Napoli è indecorosa in alcuni punti ed è abbandonata. Se lei esce dalla stazione centrale trova solo immondizia in tutti i vicoli”. Queste le frasi pronunciate da Massimo Giletti durante la trasmissione “L’arena” su Rai Uno di domenica 1° novembre. Il conduttore televisivo stava discutendo con l’avvocato Antonio Crocetta sui biglietti omaggio per lo stadio San Paolo dei consiglieri comunali napoletani.

In studio c’era anche Matteo Salvini che ha “spalleggiato” Giletti: “Napoli è nel baratro. C’è spazzatura ovunque, non funziona nulla, dai mezzi pubblici alla delinquenza. Mi scrivono i napoletani in diretta per raccontare queste verità”.

Le frasi hanno suscitato la reazione polemiche del sindaco della città partenopea, Luigi de Magistris: “La coppia Giletti-Salvini prima di parlare di Napoli e dei napoletani si dovrebbe sciacquare la bocca perché la cultura di questa città è millenaria”.

Il primo cittadino ha concluso attaccando la Rai: “C’è silenzio e questo vuol dire che i vertici Rai condividono le affermazioni di Giletti. la dialettica democratica e la critica anche dura, ma quando c’è un agguato premeditato, quando una trasmissione parla a milioni di italiani e lo fa in quel modo senza la possibilità di opporsi a una fotografia falsa, credo che questo non sia servizio pubblico, ma è essere a servizio di qualcuno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siae, copia privata: scandalo infinito pagato un tanto a centimetro

prev
Articolo Successivo

Processo Yara, la ‘pop Justice’: da idea culturale a realtà

next