La fretta non è mai buona consigliera. E anche se è comprensibile il desiderio di chiudere rapidamente il “caso Bulgarella” facendo leva sulla decisione del Tribunale del Riesame di Firenze, le domande cui il Comitato nomine e il consiglio d’amministrazione di Unicredit non hanno dato risposta restano molte. Nella sera di Halloween i due organismi della banca di Piazza Gae Aulenti si sono riuniti per prendere atto dell’ordinanza con cui il Tribunale ha annullato i sequestri di atti e documenti disposti dalla Procura nei confronti del vicepresidente Fabrizio Palenzona e di altri esponenti dell’istituto, non ravvisando nei loro comportamenti violazioni di carattere penale. Tanto è bastato agli organismi della banca per ritenere che non sussista “alcun elemento fattuale che possa mutare il giudizio di idoneità a ricoprire le rispettive cariche” e per dichiarare “piena fiducia nell’operato di tutti i propri esponenti”, come si legge nel comunicato emesso in serata da Unicredit. Il vicepresidente Fabrizio Palenzona e il chief risk officer Massimiliano Fossati – ascoltati dal Comitato nomine presenti in qualità di ospiti tutti i consiglieri d’amministrazione e i sindaci – hanno ribadito “la correttezza del loro operato nell’esclusivo interesse della banca e hanno messo a disposizione del Comitato le memorie difensive e i documenti depositati in occasione dell’udienza di riesame”.

Il caso, formalmente, si chiude dunque qui con il consiglio d’amministrazione ribadisce la fiducia al vicepresidente e ai manager coinvolti, come del resto aveva fatto giovedì 15 ottobre. Il fatto che gli esponenti della banca non abbiano commesso reati è senz’altro una buona notizia per Unicredit, ma i problemi relativi alla governance che l’inchiesta della procura fiorentina ha fatto emergere sono sotto gli occhi di tutti e non possono essere nascosti sotto il tappeto con la caduta delle accuse penali. L’influenza esercitata a tutti i livelli i livelli gerarchici da una figura estranea alla banca quale Roberto Mercuri, assistente personale di Palenzona in Aeroporti di Roma con uffici a disposizione nelle sedi di Unicredit di Milano e Roma, le pressioni sui funzionari perché si occupassero (o non occupassero) del caso Bulgarella, gli escamotage studiati per sbloccare i finanziamenti all’imprenditore trapanese le cui aziende si trovavano con i conti pignorati da Equitalia, il lavorio sotto traccia e in cordata per arrivare al giro di poltrone e alle promozioni dei fedelissimi prima delle ferie estive.

Davvero su tutto questo gli organismi di controllo della seconda banca italiana non hanno nulla da dire? Il problema reputazionale non si è risolto con il Riesame: resta il più che fondato sospetto di favoritismi e scarsa trasparenza nell’ambito delle procedure che riguardano i crediti. Restano agli atti (e ancor di più nella memoria) quelle telefonate con cui i due maggiori istituti di credito del Paese si scambiavano favori: Intesa Sanpaolo derubricava da sofferenza a incaglio il credito da 10 milioni nei confronti di Bulgarella per non rompere le uova nel paniere e permettere di arrivare alla ristrutturazione del debito del gruppo. La ristrutturazione non sarà poi stata deliberata, ma questo fatto si è verificato e forse sia Unicredit sia Intesa dovrebbero fornire qualche spiegazione (o è normale anche questo?).

Così come si è sicuramente verificato l’altro fatto, ossia la sistemazione di un credito da 25mila euro nei confronti di un imprenditore siciliano condannato per concorso esterno in associazione mafiosa: Unicredit “sistema” la cosa su richiesta del direttore generale di Intesa Sanpaolo, Gaetano Micchiché. Di questo non hanno parlato il consiglio d’amministrazione e il Comitato nomine di Unicredit, ma è normale che due banche concorrenti si scambino simili favori? E’ legittimo ciò che è stato fatto? Ma soprattutto, è ammissibile che nell’ambito di un sistema bancario europeo che prevede un meccanismo come quello del bail in, i dirigenti di un istituto possano intervenire sul meccanismo del credito con richieste a un’altra banca e viceversa? Il Tribunale del Riesame non è titolato in materia, vedremo cosa dirà su questa vicenda la Bce che alcune settimane fa ha chiesto a Unicredit anche le carte relative all’audit interno.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi, milioni per una villa. Mps rivuole i soldi ma non glieli chiede

next
Articolo Successivo

Governo, credito di imposta alle fondazioni bancarie per “contrasto alla povertà”. Su donazioni che fanno già

next