Mentre alcuni grandi azionisti si organizzano per fare una causa miliardaria a Volkswagen, lo scandalo sui test truccati si allarga anche ai motori per le navi. L’armatore norvegese I.M. Skaugen ha rivelato di aver chiesto all’unità navale del gruppo tedesco, Man Diesel & Turbo SE50 milioni di dollari di risarcimenti perché avrebbe falsato i test sulle prestazioni dei motori marini prodotti oltre dieci anni fa. Secondo la società le specifiche di sei motori acquistati da Man erano fuorvianti e l’utilizzo di carburante è stato di conseguenza superiore a quello previsto per i loro 30 anni di vita utile. 

Volkswagen possiede oggi il 75% di Man Diesel & Turbo, ma non era ancora proprietaria di Man quando sono state effettuate le motorizzazioni: la casa auto ne ha acquisito il primo 22% nel 2006, per poi salire al 55% e arrivare a controllare la società nel 2011. I.M. Skaugen ha specificato di aver depositato a luglio scorso, presso il tribunale di Singapore, una richiesta di danni per 20 milioni di dollari e di aver ora aggiornato l’importo richiesto a 50 milioni per le nuove stime sui carburanti. “Abbiamo cercato di coinvolgere Man per un bel po’ di tempo per risolvere questi problemi. Nel 2012 ci avevano promesso trasparenza e ci avevano promesso che avrebbero fatto tutto il possibile per risolvere il problemi”, ha detto il ceo di I.M. Skaugen, Morits Skaugen, a Reuters. In una mail inviata sempre all’agenzia Reuters Jan Dietrich Mueller, responsabile della comunicazione di Man, ha spiegato che la sua società “ha cercato di risolvere amichevolmente queste questioni, fuori dai tribunali, e ha negoziato con il cliente per diversi mesi”, ma I.M. Skaugen “ha annullato unilateralmente i negoziati”. 

Intanto da Wolfsburg sono partite lettere dirette a tutti i concessionari europei con cui la società blocca la vendita di tutte le nuove auto dotate del software che manipolava i livelli di gas sui motori diesel. Secondo il portavoce di Vw, “si tratta di un contingente limitato”, perché molti nuovi diesel rispettano le norme Euro 6 e non sono toccati dallo scandalo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Stabilità, Ue: “Alcune azioni non in linea con raccomandazioni. Per il giudizio finale serviranno settimane”

next
Articolo Successivo

Banca Marche, Consob conferma multe per 420mila euro agli ex vertici

next