L’Ue boccia il taglio dell’Imu sulla prima casa e della Tasi. Renzi non la prende bene e fa sapere: “Bruxelles non metta bocca sulle scelte dei Paesi”. A “intralciare” però i propositi del premier sono anche i dubbi espressi dai tecnici del Senato. Il servizio Bilancio di Palazzo Madama ha lanciato un avvertimento: in un contesto di ripresa così fragile, aumentare il deficit come il governo vuol fare per coprire gran parte degli interventi promessi in vista della legge di Stabilità è un rischio notevole.
Al tema abbiamo dedicato il vox della settimana, registrato tra le vie di Milano. “Giusto così, la prima casa dev’essere esente da tasse”, commentano in tanti. Ma non mancano gli scettici. “Dove troveranno i soldi per compensare i Comuni se non con nuove tasse?”, si domandano alcuni. “Siamo sicuri che una manovra indifferenziata non favorisca i benestanti?”, osservano altri. “Sarebbe meglio iniziare con sgravi fiscali su lavoro e impresa“, aggiungono altri ancora. La domanda che abbiamo posto ai cittadini per strada la rivolgiamo ora a voi: l’abolizione dell’Imu e della Tasi – così come prospettata dal presidente del consiglio Matteo Renzi – vi sembra un’operazione condivisibile? Dite la vostra nei commenti e votando la risposta che vi convince di più  di Piero Ricca, riprese Ricky Farina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marino negli Usa, la replica del sindaco su fb: “Stufo di polemiche stampa, invitato da autorità di Philadelphia”

next
Articolo Successivo

Riforme, Grasso: “Irricevibili 72 milioni di emendamenti”. Opposizioni: “Regime”. E rinunciano alla discussione: si va al voto

next