nobavaglio

Le deleghe ai governi in materia di intercettazioni non ci piacevano ieri, non ci piacciono oggi. Lo stesso dicasi per le leggi bavaglio di qualsiasi forma, natura e colore. Abbiamo contrastato la legge Gasparri ieri, non c’è motivo alcuno per cambiare opinione oggi.
Siamo scesi in piazza quando Berlusconi e i suoi lanciavano editti e minacciavano giornali e giornalisti sgraditi. Per ora, e ci mancherebbe altro, non ci sono state né liste di proscrizione, né la chiusura delle trasmissioni sgraditeEppure qualcosa non funziona e nell’aria sono tornate a risuonare parole minacciose ed avvertimenti ripetuti.

Un giorno finiscono nel mirino i talk show, un altro Presadiretta, poi Report, poi Che tempo che fa e gli editoriali di Massimo Gramellini, a giorni alterni Ballarò, per non parlare di Floris, di Santoro, di Travaglio, di Formigli
Sarà una casualità, ma sono, pari pari, gli stessi programmi che non piacevano all’ex cavaliere; tra i pochissimi, Presadiretta e Report, che continuano a frequentare i sentieri delle inchieste.

Nessuno contesta il diritto alla critica nei confronti di chiunque, giornalisti compresi, ma modi, toni e forme ricordano tristemente quelli del recente passato. Non spetta comunque alla politica dare le pagelle ai programmi, chiedere la bocciatura, interferire nella programmazione e nella progettazione di nuovi modelli editoriali.

I fatti accaduti in queste settimane, dalla delega in materia di intercettazioni all’offensiva contro i programmi sgraditi, non preannunciano nulla di buono. Non pochi di coloro che insorsero contro i vecchi bavagli sembrano oggi distratti, rassegnati o addirittura consenzienti, perché “Berlusconi non c’è più”.
Questi ultimi, forse a loro insaputa, sono davvero gli “antiberlusconiani di professione”, quelli tanto invisi a Renzi, perché cambiano il loro giudizio a seconda del colore dei governi in carica.
Editti, bavagli, interferenze sono “buone o cattive” a seconda del mandante di turno.

Per questo ci permettiamo di chiedere ad “amici e compagni” di programmare una prima iniziativa per reclamare la soppressione della delega al governo in materia di intercettazioni. Lo slogan potrebbe essere questo: “Quello che non ci piaceva ieri, non ci piace neppure oggi…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, 650mila euro l’anno al dg Antonio Campo Dall’Orto. Cancellato il tetto agli stipendi voluto da Gubitosi

next
Articolo Successivo

De Luca: “Da Rai3 camorrismo giornalistico”. E Viale Mazzini valuta se querelare il governatore della Campania

next