La celebre canzoncina di compleanno, famosa in tutto il mondo, non è più coperta da copyright da quando un giudice americano ha dato torto alla Warner Chappel Music che fino ad allora ne manteneva i diritti arrivando a guadagnare 2 milioni di dollari l’anno di royalities. Il commento alla decisione della giustizia americana di b, cervello in fuga e docente di diritto della proprietà intellettuale alla City University of London: “L’etichetta non è riuscita a provare di essere la detentrice di musica e testi. Ora finalmente il brano potrà tornare nei film, dato che prima veniva omesso o storpiato proprio per non pagare le ricche commesse alla Chappel”. Così Happy birthday torna patrimonio di tutti come fosse un pezzo di musica popolare. “Una sentenza che farà storia – continua il professore – e produrrà giurisprudenza”  di Lorenzo Galeazzi e Samuele Orini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello 2015, blitz contro la casa: fermati attivisti di estrema destra con striscioni anti-gender

next
Articolo Successivo

Miss Italia 2015, Alice Sabatini: “Uomo ideale? Muscoloso e dolce. Critiche? Si divertano”

next