Dunque, ieri c’è stato questo tizio un po’ pingue e molto goffo, tal Matteo Renzi, quello convinto di essere Frank Underwood quando è al massimo un Jerry Calà minore, che ha arringato i sottoposti alla direzione Pd.

In pochi minuti il Duce Calà ha detto che se Grasso riapre la discussione lui “fa convocare Camera e Senato” (neanche in guerra una roba così) perché “è una situazione inedita”, e ovviamente ha detto una bischerata enorme perché è già successo nel ’93 (Napolitano Presidente della Camera) e soprattutto perché è l’art.72 della Costituzione a imporlo. Ha detto “anche ‘sto Varoufakis ce lo semo tolti di torno“, poi ha parlato del famosissimo “tannel di Calais” (dev’essere vicino al tunnel della Gelmini pieno di neutrini transumanti) e ha ribadito che “la riforma della Costituzione la aspettano tutti (tutti chi?) da 70 anni” (giova umilmente ricordare che la Costituzione ne ha 67).

Il Duce Calà ha poi zimbellato Corbyn e i laburisti, i soli che “vogliono perdere sempre come i Washington Generals nel basket, ah ah ah” (ah ah ah), e nel dirlo ha insultato un partito (e un paese) che siede pure accanto al suo Pd in Europa; ha lodato Tsipras, ma solo perché ormai è uno Tsipras dimezzato come il visconte di Calvino. Ha parlato a casaccio della legge Tatarella del ’95, fingendo di aprire sull’art 2 (quello che nega l’elettività dei senatori e lo trasforma in un dopolavoro per nominati spesso inquisiti e sempre protetti da immunità). Ha parlato di “designazione” dei neo-senatori, una finzione che basterà alla cosiddetta minoranza dem (sempre più ridicola) per cantare vittoria (peccato che i “senatori” saranno sempre nominati dai partiti ed eletti da nessuno: l’elettore al massimo ratificherà quanto già deciso da Renzi stesso).

Il Duce Calà ha detto che molti hanno cambiato idea strada facendo, e probabilmente si riferiva a se stesso, che in un’altra vita aveva promesso il dimezzamento di parlamentari e indennità (il super-jet da quasi un milione a settimana in affitto rientra chiaramente in questa ottica), oltre ad elezioni con preferenze e mai più nominati (2/3 della nuova Camera e tutto il finto Senato nominato rientrano chiaramente in questa ottica). Infine, ma è forse la cosa più bella, il Duce Calà ha detto che le riforme vanno fatte perché, “ce lo chiedono dalle cucine delle Feste de l’Unità” (giuro, non è una battuta: l’ha detto sul serio). Ecco: l’Italia è nelle mani di un uomo così. Auguri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Alessandra Moretti e la Fondazione ‘Kairos’: le non risposte di Ladylike

next
Articolo Successivo

Corbyn, Renzi: “Al Labour piace perdere”. Guardian: “Premier italiano insulta la sinistra”

next