draghi 640Quando a gennaio la Banca centrale europea ha tirato il grilletto del suo bazooka monetario, il Quantitative easing, aveva previsto un’inflazione nel 2016 all’1,1 per cento e all’1,5 nel 2017, cioè vicino a quel 2 per cento che dovrebbe essere la normalità. È una questione di coerenza logica: quando la Bce annuncia acquisti per 60 miliardi al mese di titoli di Stato, fino a circa 1.100 miliardi come minimo, calcola l’entità di quelle munizioni monetarie in base a quanto serve per riportare l’inflazione sulla retta via (con prezzi piatti i debitori vengono soffocati dagli interessi, le imprese smettono di investire e i consumatori rinviano gli acquisti).

Giovedì scorso il presidente della Bce Mario Draghi ha dovuto rivedere al ribasso le stime di inflazione: +0,1% nel 2015, 1,3 nel 2016. E ha aumentato la potenza del Quantitative easing: la modifica è tecnica ma in concreto, ha calcolato Luca Cazzulani per Unicredit, i bond acquistabili passano da 1.154 a 1.411 miliardi, quelli italiani da 300 a 366 miliardi. Differenze non da poco. Che equivalgono a dire: “Avevamo sbagliato la misura”.

Certo, da gennaio a oggi il mondo è cambiato, ma si suppone che i banchieri centrali sappiano programmare misure capaci di avere effetti anche in scenari in evoluzione. Certo per Draghi è un momento complicato: lanciare il Qe ha reso meno forte lo scudo anti-spread delle operazioni Omt (invece di acquisti di bond vincolati a impegni e riforme, con il Qe ci sono acquisti senza contropartite), le banche che dovevano usare i soldi a basso costo per sostenere la crescita non lo stanno facendo, anche per scarsità di domanda. E i ministri europei dell’Eurogruppo hanno cancellato l’annuncio di Draghi (fare “tutto il necessario” per difendere l’integrità dell’euro) quando hanno ipotizzato la sospensione della Grecia dalla moneta unica. Perfino i banchieri centrali finiscono le munizioni e i leader politici non sembrano capaci di recuperare lo scettro della leadership che hanno consegnato alla Bce nel 2012, durante la crisi dello spread.

il Fatto Quotidiano, 9 settembre 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profughi, Danimarca blocca treni e strade per la Germania. Ungheria cambia idea: migranti su bus verso l’Austria

next
Articolo Successivo

Migranti, bozza Ue: “Possibile sospendere Schengen in caso di pericolo per l’ordine pubblico”

next