Ritengo che sia una dichiarazione vuota e infelice quella che il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha fatto difronte alla platea del Forum Ambrosetti di Cernobbio, dicendo: “Gli imprenditori hanno resistito alla crisi nonostante e indipendentemente dalla politica” perché per l’appunto la politica dovrebbe essere al servizio dei cittadini e degli imprenditori.

Sono felice che molti imprenditori ce l’abbiano fatta e spero che non si arrendano mai anche se magari in realtà sono disperati perché non sanno come fare ad arrivare a fine mese e riuscire a pagare i propri operai.

Credo che se come dice Renzi gli imprenditori ce l’hanno fatta comunque indipendentemente dalla Pplitica bisogna proprio che anche Renzi si metta in discussione e abbia l’umiltà di ammettere che anche la sua impostazione ha fallito, non credo abbia più molto tempo per poter cambiar verso, altrimenti credo che l’unica alternativa sia tornare al voto.

Non mi sembra che il Jobs Act abbia portato a una grossa svolta nel settore occupazionale, o mi sbaglio?

Non ci dimentichiamo tutti gli imprenditori e gli operai che da Nord a Sud, giorno dopo giorno lottano per tenere aperte le proprie attività, che si sentono abbandonati dallo Stato e che talvolta purtroppo alcuni di loro hanno scelto di togliersi la vita.

Invito il Presidente Renzi a rendersi conto che se non ci fossero dei cittadini onesti immersi nella vita reale l’Italia sarebbe messa molto peggio di così, credo che la politica abbia bisogno di persone oneste e non corrotte.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sulcis, “protestavano per il lavoro ma con gli stipendi gonfiati”. Indagati tre sindacalisti

next
Articolo Successivo

Pensioni, come eliminare i ‘privilegi’ dei sindacalisti senza colpire la rappresentatività

next