Il “divorzio” da Chiarelettere è costato caro a Gianroberto Casaleggio. La società di consulenza del cofondatore del MoVimento 5 Stelle, che cura tra l’altro il blog di Beppe Grillo, ha infatti chiuso il bilancio 2014 con una perdita di 152mila euro contro l’utile di 255mila messo a segno l’anno prima. Quando si è interrotto il contratto con il gruppo editorale Mauri Spagnol, per il quale la Casaleggio associati seguiva la comunicazione online oltre a gestire il sito cadoinpiedi.it, nato come “comunità degli autori di Chiarelettere” (che è anche tra gli azionisti de Il Fatto Quotidiano). Di conseguenza, stando al bilancio depositato pochi giorni fa, i ricavi ottenuti dalle attività di consulenza strategica e dall’editoria digitale sono scesi del 25%, da oltre 2 milioni di euro a 1,5 milioni.

Nessun dividendo, dunque, per Casaleggio e il figlio Davide, che hanno entrambi il 30% e nel 2014 si erano spartiti con gli altri soci Luca Eleuteri (che è uno dei fondatori e ha il 20% delle quote) e Marco Bucchich (a cui all’epoca faceva capo un altro 20%) una cedola da 245mila euro. La perdita della società è stata coperta utilizzando 4.237 euro di utili portati a nuovo e 147mila euro di riserva straordinaria. Riserva che è stata costituita ad hoc nel corso dell’esercizio. Durante l’anno, poi, i debiti sono saliti da 376mila a 406.545 euro e gli oneri finanziari sono passati da 1 milione a 2,2 milioni di euro.

Tra la chiusura del bilancio 2014 e il suo deposito, la Casaleggio associati ha visto poi un riassetto dell’azionariato: in maggio accanto ai Casaleggio, a Eleuteri e a Bucchich (sceso al 5%), nella compagine sono entrati con il 7,5% ciascuno Maurizio Benzi e Marco Maiocchi. Quest’ultimo, progettista software, è dipendente della Casaleggio associati dal 2006. Benzi, esperto di consulenza web, ha invece lavorato con il cofondatore dell’M5S già ai tempi di Webegg (la società ex Olivetti di cui Casaleggio è stato amministratore delegato fino al 2000) e collabora con Casaleggio associati dal 2004. L’anno successivo ha fondato a Milano il primo Meetup degli amici di Beppe Grillo. Nel 2012, poi, si è candidato alle Parlamentarie del MoVimento nella circoscrizione di Voghera. Non senza polemiche per il rischio di conflitto di interessi. Alle elezioni 2013 era quarto nella lista della circoscrizione Lombardia 3 per la Camera, ma non è stato eletto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diritto d’autore, Magalli non si tocca! La Rai rimuove il video dei The Pills (e poi ci ripensa?)

prev
Articolo Successivo

Copyright: sequestrato ‘Popcorntime’, il Netflix dello streaming pirata. E l’Agcom che fa?

next