Risultati interessanti (e in parte sorprendenti), quelli che vengono fuori dal sondaggio di Billboard tra i top manager dell’industria musicale americana. Risposte rigorosamente anonime che incoronano Taylor Swift come regina del mercato discografico a stelle e strisce e che, a sorpresa, continua ad avere una dose massiccia di fiducia in Lady Gaga. La prima domanda riguardava le tre star della musica da ingaggiare, qualora l’intervistato stesse per lanciare una nuova etichetta: Taylor Swift uber alles, con Lady Gaga al secondo posto e Adele al terzo. Ma tra le motivazioni anonime a corredo delle risposte, qualcuno ha dubitato sulla capacità della signorina Swift di continuare ancora per molto a questi ritmi: “Risponderanno tutti Taylor Swift, ma la grande domanda è solo una: riuscirà a sostenere questi ritmi per più di un album o due ancora?”. Dubbio più che legittimo, per una ragazza che negli ultimi anni ha polverizzato ogni record e che, alzando l’asticella sempre più su, prima o poi potrebbe pagare lo scotto.

La domanda che dà il senso, invece, di una certa autocritica, seppur anonima, dell’industria musicale, riguarda il trattamento che le etichette riservano agli artisti: “Il mercato discografico è giusto con gli artisti?”. No, per il 58% degli intervistati. E c’è da crederci, visto che il mercato discografico sono loro. E ancora: “Qual è il genere che disprezzate maggiormente?”. Trionfa il rap, che negli Usa va ancora alla grande, e che anche dalle nostre parti è diventato assai di moda. A seguire, la dance elettronica e il pop. I discografici, insomma, odiano i generi musicali che più degli altri pagano i loro stipendi.

Particolarmente interessante anche la risposta a una domanda molto attuale: “Lascereste il vostro attuale lavoro per passare a Spotify o Apple Music?”. Ebbene, il 54% degli intervistati ha risposto affermativamente, a dimostrazione del fatto che la musica sta andando in quella direzione e i top manager della musica americana lo sanno alla perfezione. A proposito di streaming, pochissimi scommettono su Tidal, la creatura di Jay Z e di un gruppetto di grandi stelle della musica globale: il 71% degli intervistati dà al progetto un anno di vita, il 17% due al massimo e il 12% già adesso è certo che Tidal durerà a lungo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Fargetta: “Oggi le radio non investono più sui Dj, conta solo la programmazione musicale”

next
Articolo Successivo

La Sinfonica Juvenil de Caracas sbarca a Milano: la musica come strumento di riscatto sociale

next