Ricordati che devi morire, gridava il frate a un Troisi piombato nel 1492 quasi 1500 in Non ci resta che piangere.
“Ora me lo segno” rispondeva il nostro compianto attore napoletano.
tumblr_n1in4cnfj61rfd7lko1_500
Ora a ricordarcelo è Facebook, che grazie ad una nuova funzione ci permetterà di gestire al meglio la nostra dipartita digitale.
Che fine farà il nostro profilo social quando non ci saremo più?
Possiamo avvantaggiarci e iniziare a pensare a un nostro ‘erede digitale‘ colui che gestirà il nostro profilo da morti. Il nostro aude, il nostro cantore, o curatore, chiamatelo come volete.

Qualcuno prevede che Facebook nel 2030 sarà un vero e proprio cimitero virtuale, e magari sarà stato dismesso dai vivi e i suoi manager continueranno a fare i soldi con i morti (che trovata!). E potremmo trovare sponsorizzati annunci di gadget per cari estinti, tombe digitali lussuose e altre cose che ancora non riusciamo a immaginare.

Insomma Facebook ci ricorda che abbiamo una fine. Che siamo mortali, ahimè.
E come i generali che rientravano a Roma da campagne militari trionfante si leva il coro “Memento mori”.

Ecco come fare a lasciare in eredità il proprio profilo Facebook. Facebook nella sezione Contatto erede ci dà due opzioni: o scegliamo un contatto che diventi il nostro erede o possiamo decidere di eliminare l’account (Come farà a sapere Facebook che siamo morti non è chiaro, probabilmente in seguito alla segnalazione dei nostri amici, come avviene attualmente).

contatto_erede_facebook

Per accedere a questa sezione basta andare su Impostazioni/Protezione e trovare nalla colonna destra la voce Contatto Erede (Come è illustrato nella foto)

Qui inseriremo il nome del fidato amico e un eventuale messaggio che gli comunica la nostra scelta.

Al momento è possibile scegliere un solo erede, se ci ripensiamo possiamo sempre cambiarlo nel corso della nostra vita.

Il Contatto erede potrà:

scrivere un post e fissarlo in alto nel profilo (potrebbe essere utile per comunicare la data dei funerali, e altre informazioni di servizio)
rispondere alle nuove richieste di amicizia
aggiornare l’immagine del profilo e di copertina

Il Contatto erede non potrà:

accedere all’account originario
modificare o eliminare post, foto e contenuti condivisi sul diario
leggere i messaggi inviati agli amici
eliminare gli amici

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Senato, in commissione via libera al ritorno della carta nei processi

prev
Articolo Successivo

Hacking Team e ‘spionaggio digitale’: la faccia della medaglia che resta nell’ombra

next