aaapassatoHo visto una pubblicità sul fianco di un autobus in Toscana. Annunciava l’uscita in edicola del giornale l’Unità con questo slogan: ‘Il passato sta cambiando’. Straordinario. Rottama in un nanosecondo decenni di solidi, e angoscianti, convincimenti sulla irreversibilità del tempo. E invece no, si può cambiare il passato, anzi sta già cambiando.

Mi ricordo una vecchissima canzone di Jonathan e Michelle Occhiali da sole.

Siamo nel 1967 al Cantagiro: lei, Michelle, contesta a Jonathan l’uso degli occhiali da sole in quanto gli precludono la visione della realtà. Lui risponde: “Ma cosa vedi amica mia? Il libro di storia studiato a memoria che col cambio di vento cambia a momento e tu vedi nero laddove c’è bianco e vedi bianco laddove c’è nero?”, il tutto con un accompagnamento di chitarra acustica in puro stile urdylaniano.

Direi un’obiezione di tutto rispetto. Non era forse Benedetto Croce a sostenere che la storia sia sempre influenzata dal presente? E oggi il pensiero postmoderno, che si vuole debole, non riduce ogni sapere, e la storia in particolare, a narrazione?

Si potrebbe dire dunque che lo slogan de l’Unità renziana ha un cuore antico, agganci filosofici rispettabili e volgarizzazioni canore di livello se non fosse per un dettaglio decisivo: nessuno aveva mai osato pensare di cambiare il passato, ma il suo racconto, la sua interpretazione.

Con l’Unità si va decisamente oltre: si cambia proprio il passato. Come? Cambiandogli verso? O seguendo il modello della epopea di ‘Ritorno al futuro’? Attenzione perché c’è un rischio: che modificando il passato si possa poi non ritrovare più il presente che da esso deriva.

Si narra di un uccello che per dare al suo volo maggiore velocità aveva pensato di eliminare la resistenza dell’aria. Precipitò senza capirne la ragione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diritto d’autore: cercate serie tv da scaricare? Le trovate sul sito dell’Agcom

prev
Articolo Successivo

Norma ammazza blog: “Stop a pubblicità su quelli politici”. Protesta M5S

next