Si è guadagnato il soprannome di ‘The Punisher‘, attribuitogli dalla rivista Time Magazine per le sue politiche di repressione del crimine. Il sindaco della città filippina di DavaoRodrigo Duterte, torna a scioccare l’opinione pubblica con una nuova proposta per inasprire la lotta al crimine in quella che prima del suo arrivo era una delle città più pericolose della nazione. “Metterli su una barca, magari in cinque, e abbandonarli nel mezzo del Pacifico“, ha dichiarato nel corso di un’intervista per la televisione ANC, dove ha spiegato che la carcerazione non è sufficiente a dissuadere i criminali dal commettere altri crimini. “Questo vale soprattutto per i signori della droga, che continuano a delinquere dietro le sbarre nella prigione di New Bilibid“. E allora meglio lasciarli in mezzo all’Oceano: “Così ti tocca pescare per il tuo cibo“. Duterte, più volte attaccato dalla Commissione dei Diritti Umani delle Filippine e da organizzazioni umanitarie come Amnesty International, ha ammesso il suo coinvolgimento nell’attività dei cosiddetti squadroni della morte di Davao, accusate di uccisioni indiscriminate

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Suor Nirmala Joshi, morta l’erede di Madre Teresa di Calcutta. Si è spenta a 81 anni

prev
Articolo Successivo

New York Times, “così i giornalisti scherzavano su uccisioni di massa”

next