Se 44- sottolineo 44 – senatori della maggioranza presentano una proposta di legge che prevede di dare finalmente una dignità legislativa alle persone con disturbi dello spettro autistico sicuramente si tratta di una buona notizia. D’altra parte proprio il presidente Mattarella il 2 aprile scorso, nella Giornata mondiale dell’autismo, aveva chiesto al parlamento uno sforzo tal senso auspicando un provvedimento ad hoc.

Il testo licenziato dal Senato rappresenta purtroppo una terribile delusione (una delle tante) riguardo alla capacità e la competenza dei nostri parlamentari in tema di disabilità. Si tratta di un testo scarno composto da 4 articoli che prevedono nell’ordine:

– la qualificazione dei servizi alla persona

– la formazione di operatori specializzati

– la definizione di equipe territoriali

– la promozione dell’informazione e la nascita di un coordinatore

– l’incentivazione di progetti dedicati al sostegno alle famiglie

– la disponibilità di strutture semi residenziali e residenziali

– la promozione di progetti finalizzati all’inserimento lavorativo

Nessuna parola sulla scuola.

Nessuna attenzione nel riempire i propositi di contenuti: lo sanno i senatori in questione che per qualificare i servizi, per formare gli operatori, per sostenere le famiglie, per le strutture ecc. occorrono risorse economiche? Devono proprio ignorarlo se, come recita l’articolo 4 della proposta di legge, viene prevista la clausola di invarianza finanziaria ovverosia: dall’attuazione della presente legge non dovranno derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica.

Che altro aggiungere, nella migliore delle ipotesi non hanno proprio idea di quello di cui parlano e legiferano. D’altra parte è da troppi anni che si scelgono tra di loro. Nella speranza che l’opposizione nell’iter successivo alla Camera faccia il suo dovere e che le leggi riguardanti le persone più fragili non vengano più scritte sotto dettatura del ministro dell’economia di turno invito tutti i lettori a seguire il cammino parlamentare di questo testo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diritti dei disabili, Gabriele potrà andare in gita

next
Articolo Successivo

Giornata internazionale di azione europea: l’operazione Eunavfor Med attira più delle quote

next