Carissimi lettori,

Come ricorderete la vicenda di Gabriele finalmente ha raggiunto un lieto fine. Domani Gabriele e i suoi compagni potranno finalmente andare in gita dopo essere stati costretti a rinunciarci perché il pullman non era accessibile per chi ha una disabilità e per spostarsi usa la sedia a rotelle, grazie a tutti voi che avete firmato in tantissimi la petizione su Change.org siamo riusciti a sensibilizzare le istituzioni affinché trovassero un mezzo idoneo.

La Regione Calabria ha messo ha disposizione un mezzo e domani Gabriele, i suoi compagni e tutti gli altri ragazzi dell’istituto comprensivo di Rovito andranno in gita a Lecce.

Desidero abbracciare tutti gli alunni, i genitori e la scuola per aver  appoggiato  la scelta di non salire nel pullman non idoneo dimostrando così una grande vicinanza a Gabriele. Credo che noi adulti dovremmo imparare dalla spontaneità e dalla lealtà dei più “piccoli”.

Riporto di seguito il testo della mail che la Preside Filomena Lanzone mi ha inviato.

Egregio Luca Faccio, come da conversazione telefonica, le comunico che il viaggio a Lecce per i bambini delle classi quinte del nostro istituto si effettuerà domani 22 maggio, grazie all’interessamento della Regione Calabria, che ha autorizzato ad uscire fuori regione un autobus delle Ferrovie della Calabria, provvisto di pedana per disabili. La ringraziamo per l’attenzione dimostrata e per il significativo contributo di informazione e di sensibilizzazione diffuso sul suo blog. Ci auguriamo che la nostra avventura possa essere utile in futuro per tutti gli alunni calabresi nelle stesse condizioni di Gabriele… Con profonda ammirazione, le porgiamo cari saluti DS Filomena Lanzone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Diritti gay, la Lega amletica: organizza convegni omofobi ma sceglie come testimonial Efe Bal

prev
Articolo Successivo

Autismo, la scarna proposta di legge che non cita neanche la scuola

next