Fedez si schiera contro l’Expo e solidarizza con i giovani che nella mattina di giovedì 30 aprile hanno manifestato contro l’Expo per le vie di Milano, imbrattando vetrine, esibendo striscioni con le scritte “No Expo”, “Expo=mafia”, ma anche “Un altro mondo è possibile” o “Grande evento uguale grande bufala”e attaccando la sede di Manpower, l’azienda incaricata della gestione del personale per Expo 2015.

“La vernice sui muri dei #NoExpo indigna più delle infiltrazioni mafiose di Expo. Di questo passo daranno la scorta di Stato agli imbianchini”: questo il tweet del rapper  milanese al quale, poco dopo, va ad aggiungerne un altro con una “lista di edifici imbrattati” datagli da ‘un NoExpo’ che spiegherebbe come mai si tratti di atti di protesta e non di vandalismo:

Le reazioni al tweet di Fedez non si sono fatte attendere. Molti gli utenti Twitter che hanno voluto commentare la presa di posizione del rappere, tra i quali il giornalista Filippo Facci che scrive: “E’ ufficiale, Fedez è un cretino” suscitando l’immediata risposta del rapper: “Detto da chi si fa le foto in giacca e cravatta dentro il Naviglio mentre parla al telefono lo prendo come un complimento”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Emma Marrone testimonial suo malgrado dell’anniversario della morte del Duce. Lei: “Schifo e vergogna”

prev
Articolo Successivo

Expo 2015, la guida ai luoghi segreti di Milano: dalla più bella uscita della metro al giardino più suggestivo

next