Giuseppe Ciarrapico, ex senatore del Pdl ed ex presidente dell’A.S. Roma, è stato condannato a tre anni di reclusione per avere truffato il Consiglio dei ministri. Secondo i giudici l’editore della Nuova Editoriale Oggi e della Editoriale Ciociaria Oggi ha indebitamente conseguito fino al 2010 circa 20 milioni di euro in sovvenzioni pubbliche dal Dipartimento per l’editoria.

Il giudice Roberto Ranazzi ha invece assolto dalla stessa accusa Tullio Ciarrapico, figlio di Giuseppe, ritenuto soggetto di riferimento nella gestione e nell’organizzazione dell’attività editoriale, e due segretarie del gruppo, Cristina Tirabassi e Stefania Mastrantonio, inizialmente accusate di favoreggiamento per aver aiutato Ciarrapico a “eludere da investigazioni dall’autorità giudiziaria”.

A Giovanni De Sanctis, ritenuto dalla procura rappresentante della Print Management e della Polaris srl, società del gruppo Ciarrapico, è stata inflitta la pena di un anno e sette e mesi di reclusione per avere, in concorso con il patron, evaso le imposte indicando nelle dichiarazioni annuali del 2004 e del 2006 elementi passivi fittizi avvalendosi di documenti per operazioni inesistenti.

Ciarrapico era stato inizialmente rinviato a giudizio insieme al figlio Tullio per la maxitruffa alla presidenza del Consiglio dei ministri. Nelle prime dichiarazioni i pm menzionavano come Ciarrapico aveva fatto figurareartatamente che le due società amministratrici degli otto giornali locali da lui controllati avevano gestioni separate, “attestando falsamenteche il loro capitale sociale era controllato da cooperati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sciopero benzinai il 5 e 6 maggio: “Vicino a Expo forse più attenzione per proteste”

prev
Articolo Successivo

Partecipate degli enti locali, Istat: “Il 32% in perdita, rosso totale da 1,1 miliardi”

next