Nel generale rilancio vinicolo dell’Alto Piemonte, soprattutto dei suoi nebbioli (detti Spanna) così caratteristici, un ruolo importante lo gioca una delle denominazioni più diffuse: Coste della Sesia. Qualche settimana fa mi ero soffermato sulla splendida versione di Colombera, trionfo di freschezza, succosità e beva. A pochi km ho scoperto un’altra azienda, Roccia Rossa, che da pochissimi anni si confronta con questo splendido territorio – dove le vigne sono purtroppo nascoste dalla conformazione geografica -, sfornando anche un grande Bramaterra (il vino più importante della cantina) e un sorprendente Chardonnay.

slide5

Siamo in provincia di Biella e su terreni franco sabbiosi, con vigne a 400 metri di altitudine, il connubio tra l’eleganza e la sapidità del nebbiolo (50%), l’acidità della barbera (40%) e un 10% di croatina, compongono questo Galliano che differisce dall’altro Coste della Sesia dell’azienda per la maggiore morbidezza – fa affinamento di 12 mesi in barrique di terzo passaggio, dopo la fermentazione in acciaio. Rosso rubino tutto frutta rossa e spezie, è un vino che a tavola non fa prigionieri: morbido, ma non piacione (con il legno che non invade), fresco e saporito, con un bel finale e un rapporto qualità/prezzo eccellente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unesco, la pizza napoletana è la candidata italiana al Patrimonio dell’Umanità

next
Articolo Successivo

Etichette intelligenti: arriva quella che conta le calorie della birra

next