Sarà anche vero che l’Italia sta ripartendo e nel primo trimestre il Pil tornerà a crescere, ma l’industria continua a mostrare segnali di sofferenza. A gennaio il fatturato è infatti calato dell’1,6% rispetto a dicembre, per effetto di una flessione dello 0,9% sul mercato interno e del 3,1% su quello estero. Peggio ancora l’andamento su base annua: -2,5%. Un calo “abbastanza importante”, secondo l’Istat, dopo il risultato positivo di dicembre quando si era registrato un +1,4% su mese e +0,9% su anno. Più in dettaglio,  il fatturato dell’energia cala del -13,6%, quello dei beni strumentali del -2,2% e i beni di consumo dello 0,4%.  In aumento invece dello 0,3% il fatturato dei  beni intermedi.

Su base tendenziale si registrano aumenti significativi per il fatturato dei mezzi di trasporto, a +10,1%, dei prodotti farmaceutici di base e dei preparati farmaceutici (+3,7%) e delle industrie tessili, abbigliamento pelli e accessori (+3,4%). Le contrazioni più marcate hanno riguardato i fatturati della fabbricazione di coke (-27%), delle attività estrattive (-11,8%) e della produzione di macchinari e attrezzature (-5,1%).

Meglio il mercato dell’auto: il fatturato dell’industria degli autoveicoli è cresciuto a gennaio del 18,9% rispetto all’anno precedente. L’Istat rileva anche aumenti anche per gli ordinativi di auto del 14,2%. La prudenza resta comunque obbligatoria perché, come emerso con riferimento ai dati sulle immatricolazioni di febbraio, l’andamento del settore è fortemente influenzato dalle numerose immatricolazioni di auto a noleggio legate all’Expo di Milano (noleggio a breve termine) e al recupero dei contratti non rinnovati negli anni scorsi.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brontos, Gup di Roma proscioglie l’ex Unicredit Profumo e altri 19

next
Articolo Successivo

Corruzione, Confindustria: “Se fosse al livello della Spagna Pil più alto di 0,6%”

next