“Sono esattamente nove anni che il comitato si batte contro questa opera assolutamente inutile“. E’ iniziata con queste parole l’assemblea di protesta del comitato No tunnel Tav di Firenze  (che si oppone al progetto del sottoattraversamento per l’alta velocità) – riunitasi questa mattina davanti al “villone degli affari sporchi“, ovvero la villa panoramica di Stefano Perotti, al centro dell’inchiesta sulle Grandi opere, partita proprio da Firenze e dal tunnel Tav. “E’ un’opera inutile, con difformità nelle normative antisismiche, incongruenze nei sistemi per limitare l’alterazione della falda e pericoli per gli immobili”, hanno spiegato gli attivisti, proponendo un’alternativa: “Invece di spendere 3 miliardi di euro e 10 anni di lavoro c’è la possibilità di creare un percorso in superficie con 300 milioni di euro e tre anni di lavoro”. E a vuoto sono anche andati gli incontri con le istituzioni e anche con Renzi sindaco, stessa storia: “Lui ha portato avanti la sua critica fino ad un certo punto, poi, in cambio delle compensazioni (90 milioni di euro) ha cessato di opporsi”  di Max Brod

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pesticidi e tumori: le novità (e le polemiche) del report Iarc

prev
Articolo Successivo

Gas: la Lombardia dice sì alle trivelle. Ma la resa basterebbe per 20 giorni

next