Una leggendaria congiunzione astrale ha dato vita all’eclisse, al “Sole nero”  e all’equinozio di primavera. L’eclisse di oggi è stato visto da tutta l’Europa e parte dell’Africa settentrionale e dell’Asia, con il Sole totalmente oscurato che si è potuto ammirare soltanto dalle Isole Faroer. L’ombra della Luna è passata per il mare di Norvegia fino al mare di Barents, dall’arcipelago danese alle Svalbard. Su quelle isole per qualche minuto è calata la notte in pieno giorno. Anche in Italia è stato osservato questo fenomeno astronomico: quando ha raggiunto il suo picco – tra le 10.30 e le 10.40 –  nonostante fosse parziale, l’intera penisola è andata penombra per l’eclissi. La copertura ha raggiunto il 70% nelle regioni settentrionali, dove in alcune località le nuvole hanno rovinato lo spettacolo, il 60% al centro e il 40% nel Sud

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Eclissi di Sole, diretta streaming: il “Sole nero” dall’Italia e dalle Isole Faroer

prev
Articolo Successivo

Eclissi di sole a Roma, al Gianicolo l’entusiasmo di turisti e cittadini

next