Sguardo rivolto al cielo: appuntamento con uno degli eventi astronomici più attesi dell’anno: l’eclissi solare di primavera. Il fenomeno è visibile anche in Italia, come nel resto dell’Europa, in Africa e Asia settentrionale, ma solo parzialmente. “A Roma – spiega Gianluca Masi, responsabile del “Virtual Telescope”, il fenomeno inizia alle 9.24, raggiunge il massimo alle 10.31 e finisce alle 11.42”. Occorre, però, prendere alcune necessarie precauzioni. “Questa eclissi non può essere osservata a occhio nudo, o con normali occhiali solari. Bisogna dotarsi di occhialini specifici, oppure guardarla attraverso la proiezione indiretta di un telescopio, dotato di appositi filtri. Diversamente – sottolinea l’astrofisico – si rischiano seri danni alla retina”. SEGUI LA DIRETTA trasmessa dal laboratorio di Fisica Solare dell’Università di Roma Tor Vergata

DIRETTA DALLE ISOLE FAROER

DIRETTA DALLA GRAN BRETAGNA

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Tomaso, il marchio auto venduto a cordata svizzero-lussemburghese

next
Articolo Successivo

Eclissi di sole 2015, il “Sole nero” delle Isole Faroer. Le fasi dell’oscuramento totale

next