Bisogna essere grati a Giuliano Ferrara perché, con scrittura brillantemente partecipe, ci illustra sovente il punto di vista dei furfanti. Del suo ultimo articolo sul Foglio, per capire dove va a parare, bastano e avanzano titolo e sommario: “Perché alla gogna preferisco Incalza”, infatti “Tipi come Ercolino non sono del tutto estranei al cosiddetto ‘progresso’. Poi la domandona: “Con la legalità in perfetto controllo, l’erario ben custodito, a che velocità andrebbero i treni tra Roma, Napoli, Milano e Torino?”.

Al che, una risposta banale potrebbe essere che in tutte le nazioni dove non vige più il diritto di saccheggio e lo ius primae noctis, coloro che maneggiano denaro pubblico e si fanno beccare con “un villozzo o un conto bancario abbastanza grasso”, li sbattono in galera e gettano la chiave (vedi gli Stati Uniti tanto cari a Giulianone). Si può aggiungere che l’Alta velocità non l’hanno inventata Lupi, Incalza o il Perotti Pigliatutto, ma esiste in tutto il mondo civilizzato dove, pensa un po’, funziona perfino senza la tangente obbligatoria dell’1 per cento.

Argomenti superflui per il pensiero furfantesco che da sempre batte sul medesimo tasto: siamo o no un Paese speciale dove rubano tutti e quindi nessuno si azzardi a fare la morale a nessuno? Nella versione pop lo hanno cantato ‘Elio e le Storie Tese’ nella magistrale Terra dei cachi: “Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate”. Caro Ferrara, dopo il memorabile Siamo tutti puttane, a quando Siamo tutti ladri?

Da ‘Stoccata e Fuga’, il Fatto Quotidiano, 19 marzo 2015

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Servizio Pubblico, “Lupi si nasce”. Riguarda tutti i video della diciottesima puntata

prev
Articolo Successivo

Corruzione e stampa: “Il Giornale ne scrive di meno, ma cita più la sinistra”

next