Bisogna essere grati a Giuliano Ferrara perché, con scrittura brillantemente partecipe, ci illustra sovente il punto di vista dei furfanti. Del suo ultimo articolo sul Foglio, per capire dove va a parare, bastano e avanzano titolo e sommario: “Perché alla gogna preferisco Incalza”, infatti “Tipi come Ercolino non sono del tutto estranei al cosiddetto ‘progresso’. Poi la domandona: “Con la legalità in perfetto controllo, l’erario ben custodito, a che velocità andrebbero i treni tra Roma, Napoli, Milano e Torino?”.

Al che, una risposta banale potrebbe essere che in tutte le nazioni dove non vige più il diritto di saccheggio e lo ius primae noctis, coloro che maneggiano denaro pubblico e si fanno beccare con “un villozzo o un conto bancario abbastanza grasso”, li sbattono in galera e gettano la chiave (vedi gli Stati Uniti tanto cari a Giulianone). Si può aggiungere che l’Alta velocità non l’hanno inventata Lupi, Incalza o il Perotti Pigliatutto, ma esiste in tutto il mondo civilizzato dove, pensa un po’, funziona perfino senza la tangente obbligatoria dell’1 per cento.

Argomenti superflui per il pensiero furfantesco che da sempre batte sul medesimo tasto: siamo o no un Paese speciale dove rubano tutti e quindi nessuno si azzardi a fare la morale a nessuno? Nella versione pop lo hanno cantato ‘Elio e le Storie Tese’ nella magistrale Terra dei cachi: “Appalti truccati, trapianti truccati, motorini truccati che scippano donne truccate”. Caro Ferrara, dopo il memorabile Siamo tutti puttane, a quando Siamo tutti ladri?

Da ‘Stoccata e Fuga’, il Fatto Quotidiano, 19 marzo 2015

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, “Lupi si nasce”. Riguarda tutti i video della diciottesima puntata

next
Articolo Successivo

Corruzione e stampa: “Il Giornale ne scrive di meno, ma cita più la sinistra”

next