Ieri la frase e la conseguente polemica: “Siamo schiavi del nazismo centrale del Nord Europa”, oggi Alessandro Di Battista ritorna sulle sue dichiarazioni senza fare marcia indietro: “Queste parole scandalizzano solo coloro che non soffrono. Uso il termine nazismo non per il popolo tedesco ma riferito alle istituzioni che stanno uccidendo i popoli. Viva la faccia della sana provocazione se questo è un modo per far parlare i media non di Berlusconi ma di come le istituzioni europee stiano distruggendo interi Paesi” scrive su Facebook il membro del direttorio M5s.

“Centosessantaquattro suicidi nel nostro paese per ragioni economiche solo dall’inizio dell’anno (dati Link Campus University) e 9 milioni di poveri dimostrano quello che stiamo dicendo – incalza il parlamentare – queste parole forti ci servono per dire che l’euro è una gabbia che ci riempie di violenza povertà e morte. Vi rendete conto che avere una banca pubblica che possa stampare moneta (e quindi permettere al governo italiano di turno di fare politiche monetarie, fiscali e valutarie) è un diritto della collettività? Ci stanno togliendo uno a uno i nostri diritti”.

“Il diritto di avere una casa (pignorano le prime case con una semplicità disarmante). Il diritto al cibo (denutrizione e malnutrizione sono fenomeni che ormai riguardano anche i bambini italiani). Il diritto al lavoro, a restare nel nostro paese, a non morire di cancro per rifiuti tossici sotterrati da qualche criminale sotto casa nostra. Succede tutto questo e i media ancora ad occuparsi di Ruby Rubacuori? – chiede – Queste le mie parole pronunciate ieri. Parole che scandalizzano qualcuno (generalmente coloro che non soffrono) e che spero arrivino a più italiani possibile”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Derivati, Tesoro nega a deputati di vedere i contratti: “Non c’è interesse diretto”

next
Articolo Successivo

Pd, il ritorno di Crisafulli: il partito chiede all'”impresentabile” di candidarsi a Enna

next