Kirk Douglas, 98 anni, si racconta a Repubblica in una lunga intervista: “Amo il mio lavoro. Come ai bambini piace giocare ai cowboy, quando reciti continui a giocare”. Tra ricordi dell’Italia in particolare di Roma (proprio nella capitale ha girato Spartacus di Stanley Kubrick) e propositi per il futuro, Kirk vuole arrivare a spegnere 100 candeline. “Ai miei 100 anni spero di avere intorno mio figlio Douglas e sua moglie Catherine, Anne e tutta la mia famiglia e poi di bermi un buon drink. Il segreto per vivere così a lungo è stare con le persone che ami e ammiri e giocare con i bambini più che puoi. Ho anche uno splendido rapporto padre e figlio con Michael, nonostante alcuni momenti difficili; gli ho scritto una poesia”. In gran forma, nonostante l’età, Douglas si è reinventato scrittore ed ha pubblicato un libro di poesie, “Life could be verse“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Una vita” di Massimo Fini: “l’autobiografia di un collega raro, con cui si litiga spesso”

prev
Articolo Successivo

“Confesso che ho indagato”: il libro di Michele Giuttari, detective del Mostro di Firenze

next