“Je suis taxi legale”. Si legge sui cartelli degli oltre mille taxisti che sono arrivati a Torino, dove ha sede l’Authority dei trasporti. Va in scena la manifestazione nazionale di categoria contro Uber, il servizio internet per il trasporto di persone. “Sono abusivi, ci stanno rubando il lavoro” ripetono come un mantra tutti i partecipanti. Centinaia le auto bianche in corteo. Per molti taxisti la preoccupazione è il valore delle licenze, vero tesoretto di ogni autista, che, se Uber venisse legalizzato, perderebbero buona parte del loro valore. I manifestanti accendono qualche fumogeno ed esplodono un paio di bombe carta, l’atmosfera è tesa. Il corteo dopo aver sfilato per le vie del centro arriva davanti alla prefettura. “Se lo Stato non ci caga, da domani non si paga” e “Blocchiamo tutta l’Italia” sono gli slogan scanditi in modalità stadio. Non manca la risposta di Uber, oggi fa lo sconto del 20%  di Cosimo Caridi

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, cronista ebreo cammina 10 ore con la kippah tra molestie e sputi

next
Articolo Successivo

Torino, tassisti contro giornalisti: “Mi prendo il taccuino, controlleremo. Non filmare nulla”

next