“Cosa vuol dire per un ebreo camminare per 10 ore in giro per Parigi?”. La domanda se l’è posta il giornalista israeliano Zvika Klein e per trovare la risposta ha organizzato un esperimento, ispirato alle video passeggiate che sul web sono servite a denunciare le molestie sulle donne e sugli omosessuali. Il reporter, collaboratore del sito di informazione Nrg, ha indossato la kippah e durante la passaggiata durata 10 ore ha attirato insulti, sputi e minacciosi pedinamenti. La sua camminata si è svolta nei dintorni del quartiere ebraico, a ridosso della Torre Eiffel, e nelle zone della capitale francese ad alta concentrazione di musulmani. “Nelle strade vicine alle attrazioni turistiche la situazione era tranquilla, ma – ha detto Zvika Klein alla fine del video – più mi allontanavo più diminuiva il senso di sicurezza e aumentavano ostilità e offese”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grinzane, Soria fa i nomi: “Regali e soldi in nero, da Bresso ad Alain Elkann”

next
Articolo Successivo

Taxi, manifestazione nazionale contro Uber: ‘Rubano il lavoro’. E l’App fa un altro sconto

next