Cos’hanno in comune la cantautrice Joni Mitchell, la scrittrice Joan Didion e la donna d’affari Iris Apfel? Tutte e tre sono diventate muse dell’alta moda dopo aver superato i 70 anni. Niente a che vedere con il didietro plastificato di Kim Kardashian messo in primo piano sulla rivista “Paper”: qui la parola d’ordine è eleganza. Queste icone agé, infatti, rispolverano in chiave moderna i grandi marchi della moda per la stagione primavera/estate 2015. A fare da apripista è Joan Didion, protagonista della nuova campagna del marchio Celine. Fortemente voluta da Phoebe Philo, designer del brand, la scrittrice ha accettato di mettersi in posa davanti alla macchina fotografica di Juergen Teller a ottant’anni appena compiuti.

Queste icone agé, infatti, rispolverano in chiave moderna i grandi marchi della moda per la stagione primavera/estate 2015

Il risultato sono delle immagini essenziali e raffinate in cui la Didion indossa un semplice pullover, una collana dorata e dei maxi occhiali da sole neri. Niente sfarzi o foto sexy: Celine preferisce mettere in copertina una “modella” con molte storie da raccontare. E di cose da raccontare Joan Didion ne ha parecchie: una carriera giornalistica iniziata a “Vogue” a soli 21 anni, grazie alla vittoria del Prix de Paris, e consacrata dopo qualche anno dall’articolo “On Self respect”, ancora oggi considerato una pietra miliare del giornalismo. Poi la svolta sui romanzi: il successo porta il nome di “Democracy”, storia di amore e politica negli Stati Uniti degli anni ’70, fresca di ristampa nel 2014.

Ma Joan Didion non è l’unica over ad aver prestato il suo volto e la sua classe per la campagna di un grande brand. Anche Joni Mitchell, capostipite del cantautorato folk, è stata fotografata per Yves Saint Laurent nella sua casa in California. Una mantella in pelle fatta su misura per lei dal direttore creativo Hedi Slimane, cappello a tesa larga e chitarra in mano: a 71 anni la cantante/pittrice si rimette in gioco con degli scatti intensi e dal gusto folk.

La tendenza delle icone agé sta spopolando anche sul web. Ari Seth Cohen, fondatore del blog Advanced Style si diverte a girare per New York in cerca di muse over 60

Iris Apfel, invece, di anni ne ha 94 e oltre a essere una donna d’affari è una fashion icon conosciutissima oltreoceano. Il rossetto rosso e gli immensi occhiali da vista sono da anni il suo biglietto da visita, ma la sua vera passione restano gli accessori appariscenti. Fiori, catene e maxi perle: il suo stile non passa mai inosservato. Per questo motivo il brand Alexis Bittar, rinomato per i suoi gioielli, l’ha voluta come protagonista della sua ultima campagna al fianco della diciottenne Tavi Gevinson, la fashion blogger che ha raggiunto il successo internazionale a soli 14 anni. Tra le due ci sono almeno due generazioni di distanza, eppure entrambe hanno la stessa freschezza nel posare davanti alla macchina fotografica di Arianna Phillips. Le foto dimostrano che lo stile non ha età: a vent’anni o a novanta non è mai troppo tardi per tirare fuori il meglio dal proprio armadio. Ma la tendenza delle icone agé sta spopolando anche sul web. Ari Seth Cohen, fondatore del blog Advanced Style, si diverte a girare per New York in cerca di muse over 60. E il risultato è sorprendente. Queste donne, infatti, dimostrano di saper portare con classe anche i capi più difficili. Indossata da loro, anche una pelliccia leopardata diventa elegante.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

AltaRoma 2015 vince su tutti, anche sul sindaco

next
Articolo Successivo

San Valentino 2015 low cost, i consigli per un romantico fine settimana

next