rete co-mar copertinaTutti fuori, così si chiama il disco d’esordio del collettivo napoletano Rete Co-mar. Prodotto da Claudio Poggi –produttore tra l’altro del primo album di Pino Daniele– è una miscellanea di atmosfere rock, sonorità sud americane e sound tipico della musica tradizionale napoletana. Un collettivo di artisti che, dopo essersi incontrati ad un laboratorio di sperimentazione musicale e teatrale, hanno deciso di unire le loro strade con l’intento di dipingere la loro città con tutte quelle sfumature di colore e vivacità che la contraddistinguono.

Perché la musica, il teatro, l’arte in genere sono sinonimo di passione, speranza e cambiamento. Tutti fuori è la possibilità che l’uomo si riserva di superare i suoi limiti, di vincere la rassegnazione e la passività. Con questo intento l’intrigante voce della solista Silvia Romano si unisce all’interpretazione teatrale di Raffaele Bruno.

In questo disco si respira in ogni canzone energia e passione, elementi assolutamente necessari per riscattare la propria città e il quartiere di Scampia da un’immagine stereotipata. Il video rappresentativo dell’album è stato girato durante il Carnevale di Scampia ed è dedicato all’artista di strada Felice Pignataro, ideatore di questo carnevale e fondatore del centro sociale Gridas. Voglia di riscatto e di denuncia, dunque. La scelta sembra non essere casuale.

Durante il Carnevale infatti, al popolo veniva concesso uno sfogo prima di affrontare il digiuno quaresimale e ogni trasgressione poteva liberamente manifestarsi nei giorni della festa. Veniva data l’occasione, una volta l’anno, di denunciare e deridere il padrone. La satira veniva espressa dal carro allegorico che diveniva un’arma potente: uno strumento in mano al popolo di denuncia nei confronti del potere. Tra le altre, la canzone Core carnale dedicata al problema del femminicidio, va proprio in questa direzione.

I Rete Co’mar sono: Silvia Romano (voce solista), Raffaele Bruno (voce recitante), Luigi Brunetti (chitarre e voce), Vittorio Nicoletti Altimari (basso e voce), Mauro Caso (batterista), Antonello Petrella (Sax) e Emanuele Aprile (fisarmonica, tastiere e voce).

Di loro e del loro talento, ne sono sicura, ne sentiremo a lungo parlare.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Martin Luther King Day, l’NBA lo ricorda con uno spot speciale

prev
Articolo Successivo

Alessandro Michele, la “rivoluzione” Gucci a Milano moda uomo 2015

next