Dopo la pausa per le feste natalizie, torna domattina “L’aria che tira”, il talk politico condotto da Myrta Merlino su La7, da lunedì a venerdì alle 11 del mattino. E per inaugurare il nuovo anno, uno degli ospiti in studio sarà Pier Luigi Bersani.

Con l’ex segretario del Partito democratico, il cui nome circola ancora tra i papabili per la successione a Giorgio Napolitano al Quirinale, saranno affrontati i temi dell’attualità politica, a cominciare dalle polemiche innescate dall’articolo salva-Berlusconi spuntato nel decreto legge fiscale del governo e che ha costretto Renzi a rimandare il provvedimento a dopo l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica.

L’8 gennaio, ospite della Merlino, Bersani potrà dire la sua su queste e altre questioni di stretta attualità. E dai toni che userà nei confronti del premier si potrà capire, forse, quanto creda nella concreta possibilità di diventare il prossimo inquilino del Quirinale. Intanto, a differenza da quanto successo sull’articolo 18, l’ex segretario democratico sembra irremovibile sulla nuova legge elettorale, uno dei cardini del Patto del Nazareno: barricate contro i capilista bloccati, che però Renzi ha già dribblato blindando l’accordo con Berlusconi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Agon Channel, Becchetti: “Parlano male di noi? Allora stiamo andando bene”

prev
Articolo Successivo

Je suis Charlie, media “offrono” i loro giornalisti per salvarlo. Solidarietà online

next