Carissimi lettori,

rimango ogni giorno sempre più disorientato nel vedere in che modo è governato il nostro Paese, lasciato allo sbando, ritengo personalmente che il governo non stia dando ascolto realmente ai bisogni dei cittadini e non mi riferisco solo alle persone disabili, ma a tutti. La cosa grave è che ormai la crisi economica sta coinvolgendo la maggior parte della popolazione portando molti a scegliere addirittura di togliersi la vita perché schiacciati dai debiti.

Nel vedere che il presidente del Consiglio Matteo Renzi usa un volo di stato per andare a trascorrere una breve vacanza sulla neve con la famiglia “giustificando” l’accaduto dicendo: “Non mia scelta, ma protocollo di sicurezza” mi ha irritato molto.

Papa Bergoglio fin dai primi istanti del suo pontificato ha dimostrando attraverso dei gesti umili e semplici che ciò che conta non è il protocollo ma sono i contenuti, o mi sbaglio? Credo che per cambiare realmente verso al Paese bisogna realizzare “La Politica dell’Incontro” che dal mio punto di vista deve basare i propri cardini non sul mantenere i privilegi della classe dirigente, sia dal punto di vista di agevolazioni gratuite che dal punto di vista giudiziario, ma formulare delle leggi che migliorino la vita di ogni cittadino.

Sperando vivamente che il 2015 sia l’anno in cui l’Italia sia in grado veramente di “cambiare verso” e non solo degli slogan, rimaniamo sempre vigili e difendiamo i diritti civili affinché ogni individuo possa esprimersi liberatamene permettendogli di vivere a pieno le proprie potenzialità ed interessi.

→  Sostieni l’informazione libera: Abbonati rinnova il tuo abbonamento al Fatto Quotidiano

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, ‘l’epifania tutte le feste porta via’. Non i festoni del boss locale

next
Articolo Successivo

Storie Vere – Fa l’elemosina senza ricevuta? Documenti, prego

next