Il ministro della Giustizia Andrea Orlando, a quanto apprende l’Ansa, ha disposto il regime di 41 bis per Massimo Carminati, personaggio considerato al vertice di “Mafia Capitale”.

A chiedere al ministero della Giustizia l’applicazione del carcere duro per l’ex esponente dei Nar considerato ora soggetto chiave dell’inchiesta “Mondo di mezzo”, era stata la Procura di Roma che sta coordinando le indagini. Il 13 dicembre “Er cecato” era stato trasferito nel carcere di massima sicurezza di Tolmezzo (Udine). E assieme a lui erano stati trasferirti gran parte degli arrestati nell’inchiesta che si trovavano a Rebibbia per “incompatibilità ambientale”. L’istanza degli inquirenti al ministero della Giustizia riguarda il solo Carminati e verrà presentata al più presto. Il provvedimento, se sarà accolta la richiesta, sarà comunicato al carcere di Tolmezzo.

Il 12 dicembre il Tribunale del Riesame aveva confermato per Carminati il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso (416 bis). Il giorno degli arresti. il 2 dicembre, Giuseppe Pignatone, ex capo della Procura di Reggio Calabria e di Palermo, aveva detto: “Con questa operazione abbiamo risposto alla domanda se la mafia è a Roma. La risposta è che a Roma la mafia c’è” battezzando l’organizzazione, che inquinava appalti a Roma ed è stata capace di corrompere esponenti di destra e di sinistra, Mafia Capitale, “un’organizzazione romana originaria e originale: autoctona anche se collegata ad altre organizzazioni e con caratteri suoi proprie e originali”. Una organizzazione che, per gli inquirenti, anche evoluzione di quella Banda della Magliana i cui metodi (e almeno una figura) costituiscono il substrato della nuova, una sorta di quinta mafia d’Italia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Crescent, ministero Ambiente: “Ci costituiremo parte civile contro De Luca”

next
Articolo Successivo

Spese pazze Pd Lazio, chiusa l’indagine: ex consiglieri regionali rischiano processo

next