Oltre 12 ore di sequestro hanno attirato molti curiosi intorno alla cioccolateria di Martin Place, a Sydney, e alcuni di loro hanno pensato di scattarsi qualche “selfie ricordo” davanti all’edificio dove almeno 40 persone si trovano nelle mani di un sequestratore. Alcuni di loro hanno pensato bene di pubblicare gli scatti sui social network con gli hashtag #Sydneysiege, #selfie e #MartinPlace. Un comportamento che ha provocato indignazione tra i frequentatori di Twitter e Facebook, che parlano di insensibilità nei confronti di persone che, a pochi metri, stanno rischiando la vita. In Italia c’è anche chi ha proposto uno “scambio” tra i maniaci del selfie e gli ostaggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Giappone: dopo la vittoria Shinzo Abe punta sull’economia e il nucleare

next
Articolo Successivo

Giornalisti arrestati in Turchia, Erdogan attacca: “L’Ue si faccia gli affari suoi”

next