Oltre 12 ore di sequestro hanno attirato molti curiosi intorno alla cioccolateria di Martin Place, a Sydney, e alcuni di loro hanno pensato di scattarsi qualche “selfie ricordo” davanti all’edificio dove almeno 40 persone si trovano nelle mani di un sequestratore. Alcuni di loro hanno pensato bene di pubblicare gli scatti sui social network con gli hashtag #Sydneysiege, #selfie e #MartinPlace. Un comportamento che ha provocato indignazione tra i frequentatori di Twitter e Facebook, che parlano di insensibilità nei confronti di persone che, a pochi metri, stanno rischiando la vita. In Italia c’è anche chi ha proposto uno “scambio” tra i maniaci del selfie e gli ostaggi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Giappone: dopo la vittoria Shinzo Abe punta sull’economia e il nucleare

prev
Articolo Successivo

Giornalisti arrestati in Turchia, Erdogan attacca: “L’Ue si faccia gli affari suoi”

next