L’allarme era stato grande. Produzioni importanti, da Montalbano a Squadra Antimafia, da Gomorra 2 e Rex 8, e perfino al nuovo James Bond, erano a rischio paralisi e persino a rischio cancellazione a causa degli adeguamenti alla normativa sull’uso delle armi di scena.

Dopo le proteste delle associazioni dei produttori, che da venerdì scorso si erano visti negare la possibilità di usare armi di scena per qualsiasi tipo di film, lunedì 10 novembre il consiglio dei ministri, su iniziativa del ministro dell’Interno Angelino Alfano, ha prorogato fino al 31 dicembre 2015 i termini di scadenza per l’adeguamento tecnico delle armi di scena sui set cinematografici da parte delle ditte fornitrici.

L’Anica (associazione nazionale industrie cinematografiche, audiovisive e multimediali” e l’Apt, vale a dire i produttori televisivi ora “chiedono ora l’apertura di un tavolo tecnico che affronti in tempi rapidi le questioni legate alla normativa esistente, per facilitare le procedure di attuazione, così da contemperare le giuste necessità di sicurezza con le altrettanto giuste esigenze artistiche e di competitività delle produzioni di cinema e televisione”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jimmy’s Hall, Ken Loach torna con “una storia d’amore e libertà”

next
Articolo Successivo

Torino Film Festival 2014, il programma. Ferzan Ozpetek presidente di giuria

next