L’arena del Colosseo di nuovo calpestabile come nell’800. Dario Franceschini, ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, lancia la sua proposta su Twitter riprendendo gli studi e le ricerche del professor Daniele Manacorda. “L’idea dell’archeologo“, scrive Franceschini, “mi piace molto. Basta un po’ di coraggio…”. Il riferimento è alle ricerche del professore di Metodologia e tecnica della ricerca archeologica presso l’Università di Roma tre, pubblicate sulla rivista Archeo del mese di luglio scorso.

“Le belle foto aeree che ritraggono il Colosseo dall’alto”, aveva detto Manacorda, “ci mostrano non la vasta e candida arena, che un tempo ospitava i giochi e gli spettacoli o, in età più recente, processioni religiose e manifestazioni pubbliche, ma un intrico inquietante di muri scoperchiati al sole, un labirinto tanto incomprensibile quanto inaccessibile. Le vecchie vedute ottocentesche ritraggono ancora il Colosseo con la sua bella arena viva perché calpestabile, e quindi privatamente o pubblicamente usabile e usata”.

Da qui, l’idea di rifare l’arena con un intervento che va a modificare l’attuale assetto del Colosseo. “Francamente”, continuava Malacorda, “non vedo problemi: restituire ai sotterranei la loro ‘sotterraneità’ significa, semmai, offrire la possibilità di visitarli addentrandosi in un labirinto, questa volta però sensato, perché percorribile così come lo era quando faceva parte di un meccanismo funzionante, che funzionava perché era al di sotto, sottratto agli sguardi, ma non alle persone che vi agivano”. Secondo l’archeologo, “la distruzione dell’arena ha trasformato il Colosseo in un luogo surreale. La sua restituzione domani gli permetterebbe di tornare ad essere, carico di anni, un luogo che accoglie non il semplice rito banalizzante della visita del turismo massificato, ma un luogo che, nella sua cornice unica al mondo, ospita -nelle forme tecnicamente compatibili- ogni possibile evento della vita contemporanea”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maccio Capatonda: in arrivo il suo primo film. “La triste storia di Giulio Verme”

prev
Articolo Successivo

Vasco Rossi, la sedicente scena indie e la ragione della forfora

next