Per l’Unione Europea sono soldi stanziati per promuovere partenariati e iniziative sulle formazione, ma in Sicilia li utilizzano per costruire marciapiedi. L’ultimo paradosso nei rapporti tra Bruxelles e Palermo è tutto contenuto nel portale Opencoesione.gov.it, il sito web che monitora i progetti finanziati dall’Unione Europea alla Sicilia. I progetti finanziati sono 363, tutti o quasi in piccoli comuni siciliani: da Castellana Sicula, in provincia di Palermo, a Vittoria, fino ad arrivare a Marsala, Noto e Paternò. Finanziamenti iniziati nel 2010 dagli importi quasi identici, che oscillano tra i 114 e i 115mila euro l’uno, utilizzati per la “sistemazione”, il “rifacimento”, la “manutenzione”, perfino la “realizzazione” ex novo di marciapiedi. Solo che a leggere bene la scheda descrittiva di ogni singolo progetto si scopre che quel finanziamento proviene dal quarto asse del Fondo Sociale Europeo, ovvero il settore con cui l’Unione Europea finanzia i progetti sul “capitale umano”.

E infatti, sempre sul portale Opencoesione, si legge che obbiettivo di quei finanziamenti è “promuovere partenariati e patti formativi locali per la realizzazione di iniziative innovative a supporto della formazione e della qualificazione del capitale umano”. Ora, che in Sicilia i marciapiedi siano notoriamente bisognosi di manutenzione e lavori urgenti è un fatto notorio, il dubbio però è un altro: cosa c’entra la costruzione di banchine ai lati delle strade con i “i patti formativi locali” e la “qualificazione del capitale umano”? Dai vertici dell’ufficio programmazione dell’assessorato regionale alla Formazione spiegano che, per quei progetti, è prevalso il “supporto alla formazione” invece che la “qualificazione del capitale umano”, che i lavori di ristrutturazione di marciapiedi e banchine sono in realtà “cantieri scuola”. Tradotto: per formare e qualificare il cosiddetto capitale umano, in tutta la Sicilia si sono aperti cantieri per insegnare agli aspiranti muratori come si sistema il basolato dei marciapiedi. E nello stesso momento in cui a Bruxelles credono di investire nella iniziative innovative che supportano la formazione, in tutta la Sicilia si creano nuove banchine a ritmo continuo. Come dire che il futuro per i giovani siciliani è tutto lì: nella ricostruzione di marciapiedi ai quattro angoli dell’isola. Una situazione paradossale che non può non strappare una risata, ma che è solo uno dei cortocircuiti nei rapporti tra l’Unione Europea e la Sicilia.

I soldi con cui si finanziano i “marciapiedi formativi”, infatti, vengono dai Fondi Strutturali regionali relativi alla programmazione 2007/2013: nel piano operativo settennale alla Sicilia erano destinati 4 miliardi di euro, soldi da utilizzare per opere pubbliche, per la mobilità, per la cultura e appunto per la formazione. Solo che ad oggi la Regione Siciliana è riuscita a spendere solo poco più di due miliardi, circa il 52 per cento del totale: tutti i fondi non spesi entro il 31 dicembre 2015 saranno persi, ed è dunque molto difficile che in soli 14 mesi la Regione riesca a raddoppiare le cifre impegnate negli ultimi 7 anni. Un vero dramma aggravato dal fatto che, sempre entro la fine del 2015, bisognerà arrivare a spendere almeno il 72 per cento dell’intera cifra, e quindi poco meno di tre miliardi di euro, altrimenti l’isola rischia un taglio nei fondi che Bruxelles destinerà alla Sicilia nel prossimo piano operativo settennale 2014/2020. Nel frattempo da Capaci e Balestrate, fino ad Acate e Pozzallo i marciapiedi continuano a spuntare come funghi.

Twitter: @pipitone87

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ragusa, uccide la figlia con un colpo di pistola. Tenta la fuga, arrestato

next
Articolo Successivo

Roma, auto salta carreggiata e travolge lo scooter: morti padre e bimbo di 7 anni

next