Frattaminore è nel cuore della cosiddetta Terra dei fuochi. Da anni questo è l’epicentro delle cattive notizie, il luogo simbolo dove lo Stato perde e a vincere sono sempre e comunque l’inquinamento e il malaffare.

Ma come spesso accade quando si guardano le cose più da vicino, tolte le lenti dei media urlanti, si può scorgere una realtà parallela, diversa. Il Comune di Frattaminore è a pieno titolo il vincitore 2014 del Premio Comuni Virtuosi, un’edizione che ha visto per la prima volta una partecipazione significativa da parte di medio-grandi città (Milano, Verona, Messina, Parma…).

Frattamonire ha vinto per la somma della grandi e piccole progettualità messe in campo. Per la raccolta differenziata, la cura del territorio, le politiche energetiche. Perché è l’esempio della possibilità di cambiare (in meglio) anche nelle situazioni più compromesse, apparentemente irrecuperabili.

A scorrere la scheda progettuale si trova un lungo elenco di buone pratiche (tutti i progetti dei 70 comuni finalisti sono nell’apposita sezione del nostro sito comunivirtuosi.org). Ma il vero capolavoro amministrativo lo si deve alla raccolta differenziata, passata dal 3 al 54% grazie ad una serie di azioni concrete che hanno dimostrato a tutti come sia possibile invertire la rotta anche in un contesto complesso come la provincia di Napoli.

E’ questo, più di ogni altro, il senso e il valore di un premio che una giuria composta da esperti del settore (Luca Mercalli, Andrea Segré, Massimo Buccilli, Paolo Pileri, Giovanna Maria Fagnani, Andrea Bertaglio, Alessio Maurizi, Luca Martinelli, Raphael Rossi) ha voluto assegnare a Frattaminore. Un invito potenzialmente rivolto a tutti i comuni italiani: il cambiamento è possibile, le scelte di buon senso pagano e danno risultati concreti, sempre.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cambiamenti climatici: dopo la protesta la palla torna ai politici

prev
Articolo Successivo

Cambiamenti climatici, summit Onu: ma nessuno rinuncia ai combustibili fossili

next