Ha 17 anni e studia all’istituto tecnico ‘Panella-Vallauri’ di Reggio Calabria. Ma Carlo Scirtò ha vinto già il primo premio di un concorso sulle nanotecnologie indetto dal professore Mauro Ferrari, un luminare che fa ricerca a Houston e che ora ospiterà lo studente calabrese per un periodo di studio negli Stati Uniti. Il progetto realizzato dal giovane chimico si basa su di una capsula che serve per il rilascio istantaneo dei farmaci direttamente all’interno dell’organismo. Un metodo che deve essere ancora sviluppato e che potrebbe servire per l’utilizzo dell’adrenalina nei soggetti che soffrono di allergie gravi o problemi di cuore. Tra pochi giorni, Scirtò partirà per Houston: “Va bene lavorare fuori. Ma non sarò mai un cervello in fuga”  di Lucio Musolino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attori (di strada) a New York. “Recitiamo nei ristoranti per scappare da stagnazione”

prev
Articolo Successivo

Chef a Cape Town. “Faccio assaggiare un’Italia che non è mafia e bunga bunga”

next