Ha 17 anni e studia all’istituto tecnico ‘Panella-Vallauri’ di Reggio Calabria. Ma Carlo Scirtò ha vinto già il primo premio di un concorso sulle nanotecnologie indetto dal professore Mauro Ferrari, un luminare che fa ricerca a Houston e che ora ospiterà lo studente calabrese per un periodo di studio negli Stati Uniti. Il progetto realizzato dal giovane chimico si basa su di una capsula che serve per il rilascio istantaneo dei farmaci direttamente all’interno dell’organismo. Un metodo che deve essere ancora sviluppato e che potrebbe servire per l’utilizzo dell’adrenalina nei soggetti che soffrono di allergie gravi o problemi di cuore. Tra pochi giorni, Scirtò partirà per Houston: “Va bene lavorare fuori. Ma non sarò mai un cervello in fuga”  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attori (di strada) a New York. “Recitiamo nei ristoranti per scappare da stagnazione”

next
Articolo Successivo

Chef a Cape Town. “Faccio assaggiare un’Italia che non è mafia e bunga bunga”

next