Il sogno americano, questa volta, parla italiano. E lo fa con due giovani attori italiani, Danilo Ottaviani, nato a Torino 24 anni fa, e Francesco Meola, milanese, di 29 anni. La loro specialità? Recitare un menu di brani e poesie italiani nei ristoranti newyorchesi di Little Italy, con il nome d’arte di Cristoforo e Amerigo, liberamente ispirato a quello dei due celebri esploratori: “Lo abbiamo scelto per gioco – raccontano a ilfattoquotidiano.it – poi abbiamo scoperto che vogliamo raccoglierne anche lo spirito”.

Entrambi sono cresciuti coltivando il sogno del teatro; Francesco, dopo una laurea in Lettere Moderne, si è diplomato come attore all’Accademia dei Filodrammatici di Milano e ha cominciato a girare i palchi di tutta Italia. Danilo deve invece la sua formazione al Teatro Stabile di Torino, ma, come racconta, “dopo quell’esperienza mi sono ritrovato un po’ nel nulla e ho cominciato a fare di tutto: un musical, qualche doppiaggio e il commesso per mantenermi”. E allora perché non tentare la fortuna altrove? “L’idea di andare in America, il paese delle opportunità, mi ha spinto a lasciare l’Italia – continua Danilo – qui lavorando sodo è possibile realizzare qualsiasi progetto”.

A New York, dopo tre mesi passati a fare il cameriere in un ristorante, “ho capito che continuando a vivere senza recitare sarei impazzito – ricorda – così ho deciso di preparare un repertorio di pezzi e di proporlo per strada a Little Italy, il posto perfetto per un attore italiano. Forse è stato quello il momento in cui ho capito quanto amo questo mestiere”. L’incontro tra i due ha fatto il resto: “Non appena ci siamo conosciuti ho capito che Danilo aveva avuto un’ottima idea – racconta Francesco – il suo progetto doveva essere portato fino in fondo, ma con una nuova veste. Da lì è nato il menu di Cristoforo e Amerigo, due attori girovaghi che offrono piatti particolari per clienti affamati di cibo e intrattenimento made in Italy”.

Gran parte del loro successo lo attribuiscono al vasto repertorio italiano: “A seconda delle richieste che riceviamo recitiamo in italiano o in inglese, ma siamo grati alla nostra cultura, che ci permette di mettere in scena poesie, canzoni e scene comiche che funzionano e incantano tutti i tipi di spettatori”, spiegano. Tra i pezzi più richiesti c’è ‘a Livella di Totò e i versi di Dante, ma il pubblico apprezza anche le poesie di Rodolfo Valentino. Il primo passo è proporsi ai locali: “Ormai i manager dei vari ristoranti ci conoscono bene e ci lasciano recitare di fronte ai clienti perché rappresentiamo una grande attrattiva”, spiegano. Per una performance di due ore Francesco e Danilo arrivano a guadagnare anche 200 dollari: “Sul nostro menù è riportato il prezzo di ogni poesia, ma molto spesso la generosità del pubblico ci premia”. Questo progetto è già stato collaudato anche in Italia e in altri paesi europei, sempre con ottimi risultati: “Rispetto agli altri gruppi che recitano poesie ai tavoli, noi abbiamo deciso di vestirci da italiani immigrati degli anni Trenta e il nostro repertorio tocca soprattutto tematiche connesse al nostro Paese”, spiega Francesco.

Anche per lui la decisione di partire per New York ha coinciso con la voglia di cambiare orizzonti: “Sentivo il bisogno di allontanarmi dall’Italia e dalla sua stagnazione. Per questo nel 2012 ho deciso di fare una prima esperienza qui: un semestre al Lee Strasberg Institute, la scuola che ha formato Al Pacino e Robert De Niro – racconta – in questo modo ho messo alla prova nuove tecniche e mi sono confrontato con una realtà artistica sempre in fermento”. Con New York, d’altronde, è stato amore a prima vista: “E’ una città fantastica, il posto migliore per formarsi e maturare. Ogni giorno imparo qualcosa di nuovo”. L’Italia è lontana, ma Danilo e Francesco cercano di tenersi sempre aggiornati su quanto succede nel nostro Paese: “Quando leggo i giornali italiani mi deprimo e penso che in molte cose siamo ancora provinciali. Non posso credere che in Italia ci siano ancora così tanti episodi di corruzione, razzismo e disonestà – ammette Francesco – anche negli Stati Uniti ci sono, ma non a questi livelli”.

Le differenze culturali tra i due paesi, infatti, non mancano: “Qui adorano gli italiani, ma l’approccio nei confronti della vita di tutti i giorni è radicalmente diverso – spiega Danilo – da noi si lavora per vivere, i newyorchesi invece vivono la loro occupazione come una passione. Ma non sanno cosa significhi godersi la vita, che è la nostra specialità”. Qualche volta, infatti, la nostalgia dell’Italia ha la meglio su entrambi: “Sedermi a tavola con la mia famiglia e i miei amici è una sensazione impagabile che New York non è in grado di darmi” ammette Francesco. Anche Danilo la pensa così, ma per ora il futuro è nella Grande Mela: “L’Italia mi manca moltissimo, ma qui sto diventando adulto e riesco a vedere i risultati dei miei sforzi. Il mio sogno è lavorare in giro per il mondo e tornare in Italia solo per la famiglia e le vacanze”. E i progetti da portare a termine non mancano; i due giovani esploratori, infatti, hanno un sogno nel cassetto: “Il prossimo anno vorremmo fare un tour dell’East Coast per toccare tutte le Little Italy delle città americane – spiegano – d’altronde siamo solo all’inizio del nostro viaggio”. E del sogno americano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

GenerationE, radiografia dei giovani espatriati del Mediterraneo

next
Articolo Successivo

Chef a Cape Town. “Faccio assaggiare un’Italia che non è mafia e bunga bunga”

next