Ho letto la “replica” di Sabina Guzzanti sul Fatto di ieri. Anche al netto di alcune inesattezze (non ricordo nessuna “lunga” conversazione telefonica; certamente in punti decisivi la versione offerta dalla clip non è affatto la mia); – anche dato atto del riconoscimento dei “principi per cui Caselli si è sempre battuto” e apprezzato il proposito di S. Guzzanti di muovere nella stessa direzione; – resta comunque il fatto che io ho parlato di “dileggio gratuito e nessuno che ha visto la clip, credo, può darmi torto. Ovviamente non ho nessuna pretesa di insegnare ad altri il suo mestiere, ci mancherebbe: ma la registrazione degli effetti derivanti da un certo modo di operare è tutt’altra cosa. Aggiungo che il “dileggio gratuito” è incompatibile con una valutazione obiettiva (che non esclude eventuali critiche) del duro e proficuo lavoro della Procura di Palermo che ho diretto, lavoro che nella sostanza ha contribuito a salvare la democrazia italiana dall’incombente sfracello stragista. Quanto infine all’apertura dell’inchiesta di cui S. Guzzanti parla concludendo la sua “replica”, è facile osservare che essa è avvenuta esattamente quando si è riscontrata la sussistenza dei presupposti in fatto e in diritto necessari. Altrimenti, è ovvio, sarebbe stata un abuso. Et de hoc (spero proprio!) satis. Anzi, auguro successo al film di S. Guzzanti, convinto come sono che anche questo profilo le stia a cuore.

Da Il Fatto Quotidiano del 10 settembre 2014 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Finanziamento illecito, chiesto il processo per ex sindaco di Roma Alemanno

next
Articolo Successivo

Bancarotta, ai domiciliari Guccio Gucci. E’ pronipote del fondatore del marchio

next