Lo stile è quello delle locandine dei film poliziotteschi anni ’70. Titolo: “Il Governatore più amato dalla camorra”. Sullo sfondo la figura a mezzo busto del presidente della Campania, il berlusconiano Stefano Caldoro. Sotto titolo: “La Regione Campania è stata presieduta e amministrata per cinque anni grazie ai voti di uomini arrestati, indagati o inquisiti di cui parlano i pentiti di camorra”. E giù un elenco di politici azzurri o di centrodestra con qualche problema giudiziario, tra cui l’ex ministro Mario Landolfi e l’ex sottosegretario Nicola Cosentino, quest’ultimo in carcere da aprile, insieme ad alcuni consiglieri regionali.

Manca il nome del deputato Luigi Cesaro, recentemente raggiunto da un’ordinanza di misura cautelare per camorra poi annullata dal Riesame. Nella mattina di lunedì 1 settembre i muri del centro di Napoli erano coperti da centinaia di questi manifesti diffamatori, privi del committente e totalmente abusivi. In particolare a Palazzo Santa Lucia, la sede della giunta regionale campana a pochi passi dal lungomare napoletano, e in altre strade del salotto buono come via Foria, via Duomo e il tunnel della Vittoria. La Digos della Questura di Napoli ha avviato un’indagine per individuarne la provenienza e i responsabili dell’affissione. Dallo staff del Governatore è partita una richiesta al Comune di Napoli per la rimozione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caserta, offese sullo scontrino della pasticceria: “Romano bastardo sei tu”

prev
Articolo Successivo

Foto di Jennifer Lawrence e altre star nude sul web. Hacker violano account iCloud

next