Arriverà nei cinema italiani tra più di quattro mesi ma l’attesa per il nuovo capitolo della saga campione d’incassi è già alle stelle. Il film, nuovamente diretto da Francis Lawrence, di nuovo alla regia dopo la fortunata esperienza con Hunger Games: La ragazza di fuoco tornerà a seguire le vicende di Katniss. La protagonista, interpretata dalla splendida Jennifer Lawrence, si ritroverà costretta a portare i distretti verso la rivoluzione per cercare di salvare Peeta (Josh Hutcherson) e di destituire il presidente Snow, a cui presta il volto un veterano del calibro di Donald Sutherland, fautore della dittatura di Capitol City.

Hunger Games – Il canto della rivolta parte 1, prima parte dell’ultimo capitolo della trilogia basata sui libri di Suzanne Collins, vanta un cast di stelle, oltre ai sopra citati protagonisti, anche Liam Hemsworth, Woody Harrelson, Elizabeth Banks, Stanley Tucci, Jena Malone e Philip Seymour Hoffman per il quale sono state integrate le riprese mancanti con l’ausilio della computer grafica, dopo la sua morte. La new entry sarà Julianne Moore nei panni del Presidente Alma Coin, il leader del Distretto 13 acerrima nemica di Katniss che farà di tutto pur di vederla morta.

Nel teaser trailer, ritroveremo proprio la Ghiandaia Imitatrice (la Lawrence) alle prese con una scelta determinante sia per il film che per il destino dei cittadini di Panem. Al cinema dal 20 novembre 2014, il film è stato sceneggiato da Danny Strong e Peter Craig e prodotto dalla Color Force di Nina Jacobson in co-produzione con Jon Kilik. 

Il teaser trailer

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Begin Again – Tutto può cambiare, dopo Once il nuovo film di John Carney

next
Articolo Successivo

Giornate del Cinema Muto, il programma – Barrymore, Chaplin e la Corazzata

next