Marco Pannella sospende lo sciopero della fame e della sete per 24-36 ore, iniziato assieme a 200 cittadini italiani per i diritti di cura nelle carceri. E comunica di essersi sottoposto a una biopsia ai polmoni: “L’ipotesi è che si tratti di un fatto tumorale. Tutti sanno che c’è una gamma articolata e diversa di fenomeni, si tratta di capire quale”, spiega il leader dei Radicali precisando che il tempo previsto per i risultati è di “nove, dieci giorni”. 

“Già da ieri sera – ha detto dai microfoni della radio del partito – per fiducia nei confronti del collegio medico (della Clinica Pio XI di Roma, ndr) e del professor Claudio Santini ho accettato di sospenderlo. So per esperienza che basta un giorno, un giorno e mezzo di interruzione perché il corpo reagisca”. Pannella dice di avere così risposto “alla loro prescrizione”, sospendendo “per fiducia nei loro confronti” ma, precisa, “non smetto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Camel, il colosso del tabacco dovrà risarcire 23,6 miliardi a vedova di un fumatore

prev
Articolo Successivo

Frecciarossa, trovato morto in bagno: “Aveva mazzetta da 30mila euro”

next