Un uomo di nazionalità straniera, secondo alcune testimonianze di origine algerina, è stato trovato morto nel bagno di un treno Frecciarossa (9540). La vittima aveva ferite sui polsi e un taglio sulla pancia e nelle tasche dei pantaloni una mazzetta da 30mila euro. Le forze dell’ordine hanno riportato che la porta era chiusa dall’interno e il cadavere è stato ritrovato dal capotreno. Stando alle prime ricostruzioni di alcuni testimoni, l’uomo viaggiava in prima classe ed era diretto alla stazione di Milano.

Il treno, partito alle 14 da Napoli, si è fermato a Rifredi, vicino a Firenze, intorno alle 18. Dopo un ritardo di oltre 240 minuti è ripartito. Sul posto sono intervenuti Polfer e sanitari. In un primo momento era stato inviato un altro mezzo per trasferire i passeggeri, ma il treno è poi partito intorno alle 21 dopo che i viaggiatori sono stati identificati dagli agenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pannella: “Fatta biopsia per sospetto tumore. Sospeso sciopero fame e sete”

next
Articolo Successivo

Roma, banda di spacciatori investiva in società: sequestrati beni per 43 milioni

next