Matteo Renzo in visita nella Terra Dei FuochiMatteo Renzi anticipa il suo ritorno nella “Terra dei fuochi” da capo del Governo. Ma i cittadini vogliono confronti e non passerelle. In questi anni abbiamo assistito a “processioni” di ministri e istituzioni che tuttora -almeno a giudicare dai continui roghi tossici- non hanno prodotto notevoli risultati. Scarichi e incendi illegali di rifiuti speciali non accennano a diminuire. Intere province tra Napoli e Caserta invase di continuo da fumi tossici ne sono la prova. I dati delle Prefetture sulla diminuzione dei roghi non riportano gli interventi mancati (maggiormente notturni) e sono privi di un meccanismo di controllo, risultando quindi poco attendibili e parziali.

Rispetto alle passerelle mediatiche degli anni scorsi, il ritorno di Renzi da capo del Governo questa volta deve avere dignità istituzionale. Pertanto, oltre agli incontri a titolo privato, ci aspettiamo che il premier predisponga un incontro in una sede istituzionale e che coinvolga i rappresentanti delle associazioni per un confronto congiunto tra i vari attori quali il Presidente di Regione, i rappresentanti degli Enti locali e i titolari dell’ordine pubblico. Qualora ciò non dovesse accadere, ci ritroveremo di fronte all’ennesima passerella di una politica che evidentemente non è capace di fare altro. 

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piste ciclabili: progetto VenTo, un sogno che diventa realtà?

next
Articolo Successivo

Uk, impianto di stoccaggio Co2: gli inquinanti sotto il Mare del Nord

next