Per vincere in California nel 2018 i democratici vorrebbero candidare George Clooney. L’attore hollywoodiano sembra stia parlando con il partito di Obama per diventare governatore del Golden State alla prossima tornata elettorale. “I democratici stanno cercando il successore perfetto – per il ruolo che è attualmente ricoperto da Jerry Brown, ha detto una fonte a Life & Style magazine – e George è interessato”. In passato altri due attori, entrambi repubblicani, sono stati al timone della California: Arnold Schwarzenegger e Ronald Reagan.

Il fatto che l’attore stia per abbandonare lo status di scapolo d’oro di Hollywood, convolando a nozze con l’avvocato Amal Alamuddin, non potrà che fare del bene alla sua immagine, di fronte a un’opinione pubblica come quella americana, sempre molto attenta alla vita privata dei suoi politici. “Le ha tutte – ha proseguito l’insider – è una stella del cinema affascinante con una coscienza sociale che ha usato la propria fama per cause umanitarie. I democratici sono entusiasti che George stia per sposarsi, perché ritengono che un George sposato venga preso molto più seriamente di un Geroge perennmente scapolo“. Giova anche il fatto che la futura sposa sia rispettata a livello internazionale per il suo impegno nei diritti umani, e per i democratici potrebbe essere una “first lady da sogno”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, a maggio boom del lavoro: recuperati gli 8,7 milioni di posti persi con la crisi

prev
Articolo Successivo

Ucraina, nuovo granaio mondiale?

next