Solo nel mese di maggio negli Stati Uniti sono stati creati 217.000 nuovi posti di lavoro. Grazie a questo risultato l’economia americana ha di fatto recuperato gli 8,7 milioni di posti persi durante la recessione. Precisamente dal settembre 2008, quando fallì Lehman Brothers e prima dell’elezione alla Casa Bianca di Barack Obama. I dati sono stati diramati dal Bureau of Labor Statistics e suggellano un risultato storico: il tasso di disoccupazione negli States a maggio è rimasto fermo al 6,3%, ai minimi da sei anni. Il dato è leggermente superiore alle attese degli analisti (che avevano previsto un tasso in risalita al 6,4% con 215 mila nuovi posti creati): a quasi 5 anni dalla Grande Recessione, l’economia ha riconquistato il numero di occupati che aveva perso da allora, nonostante nel quinquennio la popolazione sia aumentata del 7%.

Dopo un tiepido inizio di 2014, l’economia Usa scalda i motori. Ad aprile i datori di lavoro Usa avevano dato un impiego a 282 mila ulteriori occupati (dato rivisto in leggero ribasso da 288 mila). I nuovi posti toccano ora una media mensile di 234 mila nel trimestre terminato a maggio, a fronte dei 150 mila dei tre mesi precedenti. Invariato il numero di disoccupati a maggio: 9,8 milioni. In generale, in un anno, il tasso di disoccupazione e il numero di disoccupati sono diminuiti rispettivamente dell’1,2% e di 1,9 milioni. E le persone che hanno perso il lavoro, sottolinea sempre il Bureau, sono calate di 218 mila unità.

I risultati del report dissolvono le paure di trader e investitori, molti dei quali temevano il ripetersi dei risultati negativi registrati a dicembre e a gennaio. Invece per il 4° mese consecutivo sono stati creati oltre 200 mila posti di lavoro, una serie positiva che non si registrava da 14 anni. Il settore in cui si è registrato il maggior numero di ingressi è quello dell’istruzione e dei servizi sanitari, che ha fatto registrare un +63 mila posti, seguito dal settore delle professioni (+55 mila posti), da turismo e ristorazione (+ 39 mila) e dal manifatturiero (+17 mila). Perde, invece, quota il settore pubblico, con 5 mila posti in meno nelle amministrazioni statali e nell’amministrazione federale. “L’occupazione è cresciuta per il 51° mese consecutivo – ha spiegato alla Cnbc Jason Furman, capo del  Council of Economic Advisors del presidente Obama – con 9,4 milioni di postio creati nel settore privato e registriamo anche un aumento del salario medio. Resta ovviamente ancora molto da fare, ma questo è il tipo di passo in avanti che vogliamo vedere”.

Non è altrettanto ottimista lo schieramento repubblicano. “Per nostra sfortuna Obama ha smesso di creare posti di lavoro – attacca il presidente del Republican National Committee, Reince Priebus – questo è il messaggio che la Casa Bianca sta inviando, almeno stando al no opposto dall’amministrazione alla costruzione della Keystone Pipeline (l’oleodotto, la cui costruzione è molto contestata dagli ambientalisti, che dovrebbe collegare il Canada con il Golfo del Messico attraversando da nord a sud il territorio degli Stati Uniti) e alle nuove restrizioni sulla produzione energetica, norme che uccidono l’occupazione”. 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Robert Kennedy, 48 anni fa il discorso ‘Ripple of hope’. ‘La speranza del mondo è affidarsi ai giovani’

prev
Articolo Successivo

California, media Usa: “Clooney governatore per i democratici nel 2018”

next