Perché dobbiamo ringraziare Grillo.

Il web è pieno di ironie sui pentastellati: vinciamo poi…
Ma se usciamo dalla miopia del momento e guardiamo a quel che sarà scritto sui libri di storia dobbiamo innanzitutto essere grati a questo gruppo di persone appassionate.
Una cosa fuori da ogni dubbio è che il M5S è stato capace di rovesciare la situazione italiana come un calzino.
E i primi che dovrebbero ringraziare Grillo sono i militanti del Pd. Senza Grillo il vecchio gruppo di potere sarebbe ancora in sella e i risultati elettorali sarebbero stati ben diversi.
Solo grazie al terrore per il M5S Renzi è riuscito a diventare segretario e poi premier.
È grazie al terrore per il M5S che si sono ridotti (un poco) i costi della politica ed è stato messo un tetto agli stipendi da paura dei manager pubblici, è partita l’anagrafe fiscale e si è iniziato a parlare seriamente di riforme.

Quindi, amici miei vi ringrazio. E non prendetevela per questo arretramento. Ogni secondo del vostro impegno politico è stato ben speso e ha già dato frutti che (forse) faranno uscire l’Italia da 50 anni di corruzione.
Nessuna forza politica, era mai riuscita a cambiare tanto profondamente e rapidamente la realtà italiana.
E ancora, con il vostro 22% siete la più potente assicurazione contro la tentazione di non fare le riforme.

E se siete tristi ripensate al povero Fassino quando disse: “Se Grillo vuol far politica fondi un partito… si presenti alle elezioni e vediamo quanti voti prende…”

Avete fatto la storia!

Spero comunque che si voglia riflettere sui motivi di questa sonora battuta d’arresto.
I fatti hanno dimostrato l’esistenza di due errori nella visione del M5S.
Il primo lo ha subito ammesso Beppe: l’Italia è un Paese dove i pensionati mentali sono troppi. Persone che non hanno voglia di costruire un mondo migliore per i loro figli.
È stato un errore credere che sarebbe stato possibile arrivare prima al 51% dei voti e poi cambiare l’Italia.
Non c’è nessuna possibilità fisiologica che questo succeda in un Paese dove una grande parte della popolazione vive di clientele, evasione fiscale, raccomandazioni, assistenzialismo, e dove il 75% della popolazione non arriva a leggere due libri all’anno…
Nun gliela si fa!
Il secondo errore discende direttamente dal primo: se vuoi riformare l’Italia devi seguire una strategia dei piccoli passi.
Devi capire di volta in volta su quali punti c’è una sufficiente convergenza di interessi.
Devi allenarti a distinguere ciò che è giusto in teoria ma non praticabile da quel che si può ottenere subito. E devi concentrarti sugli obiettivi possibili. A questo proposito il buon sindaco di Parma Pizzarotti potrebbe tenere dei corsi….

Questa capacità di mediazione il M5S l’ha dimostrata, ad esempio, riuscendo a far approvare la legge sulla possibilità per chi ha un credito con lo Stato di detrarre quei soldi dalle tasse che deve pagare.
In questo caso si è saputo individuare un obiettivo che raccoglieva il sostegno della stragrande maggioranza del Paese (oltre che del più banale buon senso!).

Il pericolo oggi per il M5S è quello di non capire che anche se Renzi è cattivo dentro riuscirà a realizzare un’enorme riforma dello stato, culturale e legislativa.
Non farà le riforme come le farei io, non saranno perfette, non renderanno l’Italia un paese giusto.
Ma è un fatto che oggi esiste una maggioranza di italiani (che comprende anche gli elettori del M5S) che pretende il cambiamento e che pure gli interessi del grande capitale e degli imprenditori spingono in questa direzione: portare l’Italia a un livello austriaco di legalità ed efficienza.

Il M5S potrebbe avere un peso enorme in questo processo di rinascita, ma per riuscirci deve sviluppare l’arte della trattativa.
Oppure può continuare a scegliere la via dell’intransigenza nell’attesa della vittoria finale. Gli resterà il merito di essere la forza che costringe la Casta a cambiare.
Ma l’Italia che ne uscirà sarà peggiore di quella che potremmo avere se il M5S usasse il suo potere di mediazione.
Perché, è triste ma è così, la politica non è l’arte delle azioni perfette, è l’arte del possibile.

Ps.
In questi giorni ho pubblicato un articolo molto importante che a causa del caos elettorale non è stato notato.
Cerchiamo collaborazione per una grande impresa umanitaria. Leggi qui e se sei d’accordo aiutaci.
Ecotecnologie: vuoi dare una mano a due miliardi di persone?” (Ti prego: linka questo articolo in maniera esagerata!).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europa, Salvini-Le Pen: “Faremo opposizione a democristiani e socialisti”

next
Articolo Successivo

Europee, l’autoanalisi dello staff M5S: “Abbiamo trasmesso energia distruttiva”

next