Non tutta la ricerca in campo automobilistico è orientata alla sicurezza e all’ecologia. Ci sono anche esperimenti che, semplicemente, puntano a rendere la vita più semplice. Appartiene a questa categoria la vernice che non si sporca testata dalla Nissan sulla sua compatta Note: grazie al trattamento idrorepellente Ultra-Ever Dry, lo sporco non si attacca alla carrozzeria. Il fango e persino l’olio scivolano via in gocce, senza aderire alla superficie.

La Ultra-Ever Dry è basata su nanotecnologie brevettate dall’azienda americana UltraTech International ed è già applicata in altri campi: la sua struttura invisibile riesce a trattenere un sottile cuscinetto d’aria che impedisce allo sporco di attaccarsi. Il potere idro e oleo repellente dovrebbe durare per circa un anno. Per ora, però, la sostanza ha il difetto di essere di colore bianco traslucido: non a caso la Nissan Note su cui è stata applicata a mo’ di dimostrazione è bianca. La Casa giapponese, comunque, porta avanti la sperimentazione: “Pur non essendoci piani di applicazione della tecnologia sulla produzione di serie”, si legge sul comunicato ufficiale, “Nissan vuole valutare la possibilità di offrire, in futuro, la vernice autopulente come accessorio aftermarket”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano Autoclassica, il fascino perduto delle quattroruote made in Italy

next
Articolo Successivo

Fiat Ducato, la sesta generazione del furgone italiano famoso nel mondo

next